Abbandonare XHTML?

E’ logico abbandonare XHTML in attesa di HTML 5? Un approfondimento sulle recenti discussioni in rete.

Tutto è iniziato con un post di Dave Shea su Mezzoblue, che sollevando non poco stupore ha dichiarato:

Back to HTML 4.01 Strict for now, then HTML5 whenever that happens.

Un salto indietro di svariati anni, per tornare a realizzare pagine in semplice HTML, abbandonando una specifica ben più rigorosa come l’XHTML.

Questo cambiamento è da interpretare in proiezione futura, per via del supporto di alcuni browser (Opera soprattutto) e dell’attuale stato delle specifiche. Non è un mistero che XHTML 2 sia ancora indietro, mentre con HTML 5 sia già possibile ottenere dei risultati: ne avevo parlato anche in un articolo sui form.

La discussione per quanto riguarda l’Italia è proseguita su Edit, dove nei commenti del post Bye Bye XHTML si scontrano le due posizioni. Chi difende il web semantico e XHTML ha le sue ragioni, ma non è così incomprensibile appoggiare la semplicità di HTML 5.

E’ veramente ora di abbandonare XHTML?

La risposta a questa domanda va in controtendenza con quanto affermato da Dave Shea.

La specifica XHTML infatti è attualmente la scelta migliore.

Che senso avrebbe tornare a HTML 4? Dal mio punto di vista sarebbe un passo indietro, non giustificabile guardando al futuro. E’ lecito prepararsi a HTML 5, diversi siti lo stanno già facendo, ma il suo supporto è appena agli inizi: qualsiasi cambiamento è ancora prematuro. Ovviamente è un’opinione personale, se la pensate diversamente mi farebbe piacere discuterne nei commenti.

Tommaso Baldovino

UX/UI Designer di Firenze, appassionato di tecnologia e accessibilità, esperto di WordPress, blogger, gamer e amante della fotografia.

9 commenti su “Abbandonare XHTML?”

  1. Al momento attuale non bisogna prendere scelte affrettate ed escludere a priori l’xhtml sarebbe un errore, tutte le tecnologie necessitano di evolversi io darei ancora fiducia all’xhtml per quanto me ne concerne e attendo con ansia l’html 5.

  2. Secondo me la complessità e il tempo giocano a sfavore degli standard eccessivamente pretenziosi. Data l’espansione di internet e con essa quello di creazione di pagine da parte degli utenti le difficoltà tendono a venire superate con soluzioni più semplici. Parlo del fenomeno in generale, e quindi mi riferisco anche agli standard css (so di dire una sorta di bestemmia). Ho letto un post gustoso di una webdesigner cinese sul tema: http://pure-essence.net/2009/04/08/css-3-col-layout/

  3. Grazie per la segnalazione Alberto, il problema alla base è che il percorso per l’approvazione di determinati standard è troppo lento, e ci vuole ancora più tempo per vederli approvati dai produttori di browser. E’ normale che non sia una cosa immediata, ma in certi casi i tempi sono fin troppo lunghi. E’ proprio questo che gioca a sfavore di XHTML 2.

  4. Anche io credo sia mooolto meglio continuare con XHTML… però, riflettendoci, non è che XHTML sia un linguaggio tanto diverso dall’HTML “normale”, ma anzi, l’XHTML altro non è che HTML 4 sintatticamente e SEMANTICAMENTE corretto. Al di là del doctype, se si usano i CSS, ovvero se si tiene completamente distinto il contenuto dalla suo stile di formattazione, e se si usano tag sematicamente appropriati, credo che la linea di demarcazione che divide le due specifiche sia minima… Cosa ne pensate?

    Ho letto l’anteprima ad HTML 5 su html.it (http://xhtml.html.it/articoli/leggi/2543/unanteprima-di-html-5/2/) ma francamente non mi ispira per nulla… sarà che sono innamorata dell’XHTML e quindi ne sono un po’ gelosa! :-p

  5. @Sara: sono d’accordo con te, se usato con cognizione di causa anche l’HTML può fare il suo lavoro, consentendo di mantenere contenuto e presentazione su due piani differenti.

    Certo l’XHTML è più rigido e corretto semanticamente, ma è proprio l’evoluzione futura delle due specifiche che potrebbe portare a riconsiderare le cose.

  6. secondo me è inutile stare a fasciarsi la testa ora…nel senso, se le raccomandazioni del W3C porteranno ad essere ufficiale html 5 prima dell’xhtml 2 ci convertiremo tutti…d’altronde il web è evoluzione, inutile fossilizzarsi ma nemmeno portarsi avanti quando ancora non si hanno le specifiche corrette. xhtml 1 per ora è il migliore e continuiamo ad usarlo, quel che sarà sarà, si fa presto a reimparare o convertire ;)

  7. Nessuno rimpiazza nessuno è questa la verità.
    Chi sviluppa usa le soluzioni migliori, se HTML5 mi offre una soluzione migliore per quel determinato problema lo uso.

    XHTML non morirà, perché fa cose che HTML non potrebbe fare (maddai!).
    Io uso la soluzione migliore, personalmente preferisco XHTML.
    Ma youtube farebbe benissimo ad usare HTML5 per via del tag , e penso che anche i browser game useranno HTML5 per via del tag .