UP24 Jawbone

Fitness tracking UX: due app a confronto

Una settimana con UP24 al polso: i diversi approcci delle applicazioni UP e Lark.

Poco tempo fa mi è stato regalato UP24 di Jawbone, un braccialetto per tenere traccia di movimenti, attività fisica e qualità del sonno: negli ultimi anni c’è stata l’invasione di questo tipo di accessori, e per chi è malato di dati avere accesso ad informazioni simili è una vera e propria rivoluzione.

Avevo iniziato già da qualche mese ad utilizzare un’app in abbinamento con Healthkit su iOS: si chiama lark e mi aveva incuriosito per un approccio totalmente diverso dal solito. Invece di mostrare grafici e statistiche, lo strumento principale con cui si interagisce all’interno dell’applicazione è una chat. Continua a leggere Fitness tracking UX: due app a confronto »

User Experience nel mondo reale: le statistiche

L’86% dei clienti di un servizio online sarebbe disposto a pagare di più per una migliore esperienza di acquisto. Numeri che fanno riflettere.

L’esperienza d’utilizzo di un servizio sta ottenendo la giusta importanza con il passare degli anni, tanto da far aumentare in maniera esponenziale l’utilizzo del termine UX.

È importante capire come l’ambito della user experience sia universale: tutto ciò che riguarda il rapporto tra una persona ed un prodotto / servizio può essere incluso in questo contesto, andando oltre i limiti del solo web.

Altrettanta importanza la assumono i numeri: tramite delle statistiche è possibile monitorare un fenomeno, capirne il trend, anticipare dei cambiamenti e non farsi cogliere impreparati. Per questo ho voluto mettere insieme le due cose: UX e relative statistiche, per porre l’attenzione sul tema. Continua a leggere User Experience nel mondo reale: le statistiche »

UX design, e-commerce e flussi d’acquisto

Risorse e suggerimenti utili per realizzare un e-commerce, dalla scelta del prodotto alla conferma dell’ordine.

E-commerce

Nell’ultimo periodo ho lavorato in maniera approfondita su e-commerce e flussi d’acquisto, studiando i vari aspetti da considerare durante la progettazione di un sito destinato alla vendita online.

Come potrete immaginare è un mondo immenso, ma con regole ben definite e pratiche consolidate che possono essere d’aiuto durante tutte le fasi di sviluppo. Questo non significa che per avere l’e-commerce perfetto sia sufficiente seguire passo dopo passo una serie di istruzioni: non esistono ricette segrete universali e l’esperienza di acquisto cambia notevolmente a seconda del prodotto, ma durante il mio lavoro ho trovato diverse risorse utili che mi sembra giusto condividere.

Continua a leggere UX design, e-commerce e flussi d’acquisto »

UX e iPhone 5S / 5C

Alcune novità introdotte dai nuovi modelli di iPhone potranno migliorare l’esperienza d’uso: ecco Touch ID e iBeacon.

Con l’uscita dei nuovi modelli di iPhone, Apple si è assicurata la solita dose di attenzioni. La mia si è rivolta fin da subito ad alcune novità che miglioreranno l’esperienza d’uso dei nuovi smartphone.

Di cosa sto parlando? Presto detto:

  • Touch ID: il sistema di autenticazione basato sull’impronta digitale
  • iBeacon: il sistema di invio dati tramite Bluetooth 4.0 agli smartphone nelle vicinanze

Queste due novità riguardano in maniera molto stretta l’esperienza utente, e dovrebbero farci ricordare a cosa ci riferiamo quando si parla di UX. Troppo spesso negli ultimi tempi ho visto web designer cambiare la propria etichetta seguendo la moda del momento, e diventare UX designer.

È bene ricordare che UX significa user experience.

L’esperienza è qualcosa che va al di là del singolo prodotto, non è un banale elenco di caratteristiche tecniche, e molto spesso non è prevedibile. È per questo motivo che ho iniziato ad immaginare cosa potrebbe comportare la diffusione del nuovo iPhone, e come potrebbe essere il mondo in cui viviamo tra pochi anni.

Continua a leggere UX e iPhone 5S / 5C »

Agile UX Barcamp 2013

L’edizione 2013 dell’Agile UX Barcamp è stata un successo: questo il mio racconto.

Venerdì scorso ho partecipato all’edizione 2013 dell’Agile UX Barcamp, evento organizzato da Dada qui a Firenze presso la sede dello IED.

L’appuntamento era gratuito ed i biglietti sono spariti in pochissimo tempo: basti pensare che le iscrizioni sono state aperte solo un paio di settimane prima della data e anche con 200 posti a disposizione la waitlist era decisamente affollata.

Valeva la pena esserci? Decisamente sì.

Non ho intenzione di fare un resoconto di tutti i talk, anche perché erano divisi su due sale e non ho ancora il dono dell’ubiquità, ma è stata una giornata ricca di spunti di riflessione su un tema — quello delle metologie agili — che da più di due anni mi interessa particolarmente.

Continua a leggere Agile UX Barcamp 2013 »

User Experience: i risultati del questionario di usabile.it

Alcune considerazioni sul sondaggio riguardante la UX, organizzato da Maurizio Boscarol.

Maurizio Boscarol ha pubblicato su usabile.it i risultati di un sondaggio molto interessante effettuato qualche mese fa. L’argomento è la User Experience, materia di cui si parla molto negli ultimi anni non solo tra gli esperti del settore ma anche a livello aziendale.

Uno degli scopi del sondaggio era capire come fosse interpretata la disciplina: viene usata semplicemente come un nuovo termine per farsi interessanti agli occhi dei clienti o ha davvero un’utilità pratica?

Continua a leggere User Experience: i risultati del questionario di usabile.it »

UX Camp 2010: il resoconto

Il racconto di quello che è successo al secondo UX Camp italiano: il barcamp sulla User Experience.

Come avevo annunciato, venerdì scorso ho partecipato all’UX Camp 2010, che quest’anno è stato organizzato all’interno della sede Dada di Firenze.

Dopo la prima esperienza fatta l’anno scorso le premesse erano ottime, e posso dire che sono rimasto pienamente soddisfatto della giornata trascorsa insieme agli altri partecipanti.

Continua a leggere UX Camp 2010: il resoconto »

UX Camp 2010 a Firenze

Il secondo barcamp italiano dedicato alla User Experience: 5 novembre 2010, presso la sede Dada.

Il prossimo Venerdì 5 Novembre si terrà a Firenze la seconda edizione dell’UX  Camp: un barcamp tutto italiano dedicato alla User Experience.

Vogliamo immaginare un mondo in cui il piacere per le forme e il culto della tecnologia avranno ceduto il passo ad una maggior sensibilità nei confronti della semplicità e dell’esperienza d’uso.

UX Camp Italia è aperto a tutti, progettisti e sviluppatori, lavoratori e studenti, appassio nati e professionisti, giovani e non. Venite a raccontarci le vostre espe­rienze, siete i benvenuti!

L’appuntamento è presso la sede Dada (Largo Annigoni 9/b) dalle 9.00 fino alle 18.30. I posti sono limitati e sono andati a ruba anche perché l’evento è totalmente gratuito, ma potete ancora provare a contattare su Twitter o via mail gli organizzatori e sperare che qualcuno disdica la propria partecipazione. Sono stati lanciati segnali confortanti a riguardo: potrebbero esserci ancora delle possibilità di entrare.

Per ogni altra informazione potete fare riferimento al sito ufficiale.

User Experience: diagrammi e grafici

Una collezione per chi si interessa a UX e web design: dalla progettazione di un sito alla sua realizzazione.

In passato era già capitato di discutere di User Experience: in Italia se ne parla ancora poco, ma è un aspetto fondamentale per la realizzazione di un buon progetto web.

Se siete interessati ad approfondire l’argomento, ho raccolto una serie di grafici e diagrammi da applicare soprattutto all’ambito web, tra cui la fantastica UX Wheel di Magnus Revang.

Tutti descrivono in maniera più o meno dettagliata le competenze necessarie per realizzare un sito web completo, illustrando la strada da percorrere. Non è sempre facile tenere presenti gli obiettivi finali: questi diagrammi possono essere d’aiuto anche per capire l’utilità di certe attività durante lo sviluppo.

Studi di usabilità, attenzione per l’accessibilità e per l’architettura dell’informazione: sono tutte parti fondamentali della creazione di un sito se si vuole offrire un’esperienza positiva all’utente finale.

I diagrammi

UX Wheel

Praticamente d’obbligo stamparla e tenerla sempre presente. Descrive le varie fasi creative associando i risultati a dei processi produttivi, per arrivare ad ottenere un valore finale.

UX Honeycomb

Al contrario del diagramma precedente qui non viene identificato un processo produttivo, ma un insieme di fattori che contribuiscono al raggiungimento di una user experience positiva. Non esiste infatti solo l’usabilità.

UX Treasure Map

Peter Morville ha raccolto in un unico schema molti fattori, rappresentando il tutto come un percorso da seguire per raggiungere l’obiettivo.

The Fundamentals of Experience Design

Un modello di grande impatto visivo dove vengono riunite le persone, le loro attività, ed il contesto di queste attività. Sotto le annotazioni superficiali esistono poi livelli più approfonditi: basta voler scavare.

Questi sono alcuni dei diagrammi più interessanti pubblicati anche su UX Booth qualche giorno fa. Se volete approfondire il discorso fate riferimento al post completo, dove troverete altro materiale. In aggiunta, voglio condividere anche le risorse che seguono.

The Disciplines of User Experience

Un diagramma che vuole rappresentare tutte le discipline coinvolte nel raggiungimento di una user experience positiva. Interessante la domanda che si pone l’autore nel post: cosa può essere indentificato come UX Design, escludendo le varie attività da cui è costituito (visual design, interaction design, ecc.)? E’ difficile identificare infatti l’UX Design come un’attività separata ed autonoma, a meno che ci si limiti a considerarlo come semplice coordinamento.

User Experience Diagram Rationalization

Luke Wroblewski ha riunito in un unico schema il lavoro fatto da altri esperti del settore per rappresentare gli obiettivi, i processi e le discipline coinvolte nella realizzazione di un prodotto. Tutto in una sola immagine.

Se conoscete altre risorse simili segnalatele nei commenti, sono a vostra disposizione.

Flickr redesign: la nuova pagina foto

La nuova pagina foto di Flickr è un miglioramento per gli utenti?

Gli utenti abituali di Flickr se ne saranno già accorti: da qualche giorno è stata resa pubblica la nuova versione della pagina foto.

Come consuetudine la novità è stata pubblicata come preview per gli utenti, che possono decidere se mantenere la vecchia versione per qualche tempo o utilizzare la nuova: questa pratica è ormai consolidata e concede ad una buona fetta di utenti di abituarsi al cambiamento, senza imposizioni da un giorno all’altro. Le critiche non mancheranno comunque, ma sarebbe un’utopia pensare di fare felici tutti con un redesign di un’interfaccia.

Per l’elenco delle novità in dettaglio vi rimando al post ufficiale sul blog di Flickr: io preferisco soffermarmi solo su alcuni aspetti del cambiamento, e su come certi dettagli siano stati molto apprezzati dagli utenti abituali. E’ stata una sorpresa infatti leggere molti pareri positivi, cosa che non era successa con altri redesign (vedi il caso di Facebook).

I dettagli più interessanti

Foto più grandi

In un sito che ha nelle immagini la sua ragione di esistere, aumentare la dimensione di default delle stesse è una mossa vincente. Le foto iniziavano infatti ad essere troppo piccole per le risoluzioni sempre più elevate dei nuovi monitor: adesso arrivano ad una larghezza di 640 pixel, sicuramente più accettabile.

Ingrandimento con un clic

Questa è una delle novità più interessanti: molti utenti infatti inserivano nella descrizione delle foto un link alla stessa immagine più grande su sfondo nero. Sono nati anche servizi esterni per questo, e Yahoo! ha deciso di assecondare gli utenti offrendo la feature direttamente su Flickr. Adesso con un clic sull’immagine questa viene visualizzata a schermo intero su sfondo nero, e la resa è ottima:

Geotagging in evidenza

Mettere in evidenza le informazioni geografiche collegate ad una foto qualche anno fa sarebbe stata una follia. Adesso non lo è più. Con smartphone e fotocamere dotate di GPS, geolocalizzare le foto è automatico, e comunque è sempre possibile farlo anche manualmente dopo aver importato gli scatti.

Inserire questa feature al primo posto sulla sidebar destra fa capire la sua importanza. In questo modo diventa ancora più facile ritrovare tutti gli scatti di una certa località e scoprire le foto più popolari di un luogo.

I difetti

Nonostante il redesign sia positivo, alcune cose potrebbero essere ulteriormente migliorate.

Avrei apprezzato molto uno spazio dedicato ai dati EXIF delle immagini: Flickr è una community ricca di fotografi, e certe feature sarebbero sicuramente apprezzate. In questo redesign invece i metadati rimangono su una pagina separata: sarebbe stato interessante vedere almeno apertura, tempo di esposizione ed ISO.

Per quanto invece riguarda il codice e l’accessibilità delle pagine, non mi è mai piaciuta (e continua a non piacermi) l’eccessiva dipendenza da JavaScript di alcune funzioni. E’ comprensibile che certe azioni siano impossibili senza appoggiarsi a degli script, ma si potrebbe fare di meglio anche solo per quanto riguarda i menu di navigazione: con JavaScript disabilitato infatti la maggior parte dei link non funzionano ed i menu non possono essere aperti (cosa che sarebbe facile da implementare con qualche riga di CSS).

Sono invece funzionanti i nuovi link di zoom e di navigazione (foto successiva / precedente): è possibile che per alcuni nuovi elementi dell’interfaccia sia stata prestata più attenzione, ed altre parti del sito come il menu generale siano rimaste invece con i vecchi difetti. Questo redesign infatti riguarda solo la pagina foto di Flickr, tutto il resto è rimasto inalterato.

In conclusione

Il nuovo design è piacevole e più funzionale: il parere complessivo è decisamente positivo. Ci sono alcuni elementi che potrebbero essere ulteriormente migliorati, ma riguardano più la piattaforma intera di Flickr che la pagina delle singole foto. Per il momento fa piacere vedere qualcosa di nuovo in un sito che era rimasto fermo da anni: le modifiche faranno contenti i molti utenti pro che decidono ogni anno di rinnovare il proprio abbonamento.