Cultura Senza Barriere 2010: il resoconto

Qualche riflessione dopo aver participato al convegno Cultura Senza Barriere.

Sono tornato da Padova dopo aver partecipato a Cultura Senza Barriere, l’evento che avevo presentato su questo blog qualche settimana fa. E’ stato un convegno veramente interessante, con interventi più classici e meno collaborativi rispetto alla realtà dei barcamp, ma comunque la qualità dei talk a cui ho assistito è stata eccellente.

Il merito è sicuramente di Marco Bertoni e di tutti coloro che hanno pensato all’organizzazione dell’evento, con l’ottimo supporto dell’Università di Padova.

Si è parlato di accessibilità, del mercato dell’editoria e della guerra tra ebook reader, di marketing, di web analytics, di usabilità e molto altro: gli argomenti erano tanti e tutti interessanti, suddivisi in 60 seminari completamente gratuiti.

Per quanto mi riguarda è stata davvero una bella esperienza: ho conosciuto ottimi professionisti della rete, ed è stato bello avere dei feedback positivi sul mio intervento. Sicuramente il contesto mi ha aiutato a ricevere consensi parlando di usabilità ed accessibilità: ma sono stato comunque molto contento di trovare persone interessate a certe tematiche.

Uno degli aspetti migliori è stato conoscere altri web designer che fanno il loro lavoro con criterio, preoccupandosi di ottenere sempre il miglior risultato possibile. Fermandosi ad osservare solo la realtà di certe web agency italiane che lavorano in modo approssimativo potrebbe essere facile demoralizzarsi, ma fortunatamente non esiste solo quel mondo. Eventi come Cultura Senza Barriere servono anche a questo: se eravate presenti (relatori e non) mi piacerebbe conoscere le vostre impressioni, sono convinto che in Italia ci sia un grande bisogno di occasioni simili.

Se non eravate a Padova e volete dare un’occhiata alle slide del mio intervento, le trovate qui sotto. Spero siano abbastanza chiare anche senza spiegazioni.

In questa pagina di SlideShare potete vedere alcune delle altre presentazioni tenute a Cultura Senza Barriere 2010.

Tommaso Baldovino

UX/UI Designer di Firenze, appassionato di tecnologia e accessibilità, esperto di WordPress, blogger, gamer e amante della fotografia.

9 commenti su “Cultura Senza Barriere 2010: il resoconto”

  1. Ciao Tom, purtroppo io non sono potuto venire… :( e me ne è dispiaciuto veramente parecchio, ma non era proprio dietro casa. Ero stato a web senza barriere qui a Roma ed era stata veramente una gran bella esperienza, credo sia stato lo stesso anche in questo caso.
    Spero la prossima volta di poter venire!
    A presto!
    Paolo Leonardi

  2. Anche io ho partercipato è ho trovato il convegno molto interessante, anche se è stato poco il tempo disponibile durante ogni seminario per andare più a fondo alle cose. Ma questo è un compromesso che si deve accettare data la grande quantità e diversità di seminari.

  3. @Alberto: è vero, purtroppo non c’era molto tempo a disposizione per approfondire il discorso alla fine degli interventi, ma visto il gran numero di relatori era difficile fare diversamente. Magari si facessero più spesso eventi simili in Italia, soprattutto gratuiti!

  4. Scopro solo ora questo convegno tramite la tua recensione. Peccato, sarà per la prossima volta. Grazie per la recensione e le belle slide.

  5. Gran bel resoconto con le slide…
    Grazie del tuo ottimo lavoro Tom.
    Segnalo che questa pagina non passa la validazione W3C

  6. @tonicopi: ti ringrazio. Purtroppo gli errori HTML sono dovuti al codice di SlideShare: è il classico problema dell’inclusione di widget esterne in un sito web.

  7. Infatti…..Vista la cura con la quale segui la validazione ho controllato apposta questa pagina, essendo che pure io avevo riscontrato errori di validazione, ed è stato con un certo sollievo che ho visto che non la passava pure da te ;-)