Dichiarazione di accessibilità: come scriverla

Suggerimenti utili per scrivere una dichiarazione di accessibilità evitando gli errori più comuni.

In molti siti e soprattutto in quelli che si preoccupano di essere accessibili, spesso viene inserita una dichiarazione di accessibilità per illustrare la conformità delle pagine agli standard in vigore.

Fondamentalmente una pagina autocelebrativa non serve a niente, soprattutto perchè inserirla non rende un sito automaticamente accessibile. Fornire informazioni utili ai propri visitatori resta comunque una buona idea, soprattutto se questo porta ad una migliore esperienza di navigazione.

Alcuni suggerimenti utili

Scrivendo una dichiarazione di accessibilità si possono commettere diversi errori. I consigli più semplici da imparare e da tenere sempre presenti sono:

  • Non addentrarsi troppo in dettagli tecnici che la maggior parte degli utenti non potrà capire: parlare di CSS, attributi alt sulle immagini, testi in em e progressive enhancement non serve a niente.
  • Mettere bene in evidenza un recapito per segnalare problemi ed errori.
  • Realizzare una pagina bene organizzata: è fondamentale suddividere le sezioni della dichiarazione con dei titoli, ad esempio parlando di navigazione, testi, collegamenti, ecc.
  • Non nascondere il collegamento: va bene inserire un link nel footer, ma non rendetelo invisibile, altrimenti tutti i presupposti di un sito accessibile spariranno fin dalla vostra dichiarazione di conformità agli standard.

Tenete comunque presente che non è obbligatorio inserire una pagina dedicata alla dichiarazione di accessibilità, anzi. Se il vostro sito è ben realizzato, nella maggior parte dei casi non avrete alcun bisogno di mettere in evidenza il vostro buon lavoro. Un sito è veramente accessibile quando gli utenti sono in grado di navigarlo senza nessun suggerimento da parte vostra.

A tale proposito proprio su questo sito non ho deciso di inserire una vera e propria dichiarazione di accessibilità, ma un semplice testo esplicativo nel footer. Nel caso ci siano problemi o gravi errori, il mio invito è sempre quello di contattarmi per segnalarli.

Se doveste comunque avere la necessità di creare una pagina apposita, potreste prendere spunto da alcuni siti del settore, come 456 Berea Street o Accessites.

Tommaso Baldovino

UX/UI Designer di Firenze, appassionato di tecnologia e accessibilità, esperto di WordPress, blogger, gamer e amante della fotografia.

6 commenti su “Dichiarazione di accessibilità: come scriverla”

  1. E che dire di quando invece si scrive una pagina di dichiarazione di accessibilità solo perché sono stati inseriti i title sulle immagini (o altri orrori simili) ?

    Non vi è mai capitato di vedere portali con una trafila di badge e antipixel da far spavento, e poi scoprire che quasi nessuno di essi aveva motivo di stare li’? :D

  2. Nonostante vi sia una legge (Stanca di nome e di fatto) l’accessibilità è ancora una cosa talmente sconosciuta soprattutto nelle pubbliche amministrazioni da far quasi paura considerando i milliaia di euro di multa che “teoricamnente” dovrebbero pagare! L’altro giorno parlavo con un’amministratore comunale che voleva rifare il sito e questo non aveva idea di cosa fosse la legge Stanca, quando gliel’ho fatto notare pensava che io stessi scherzando… chiaramente non posso fare il nome del Comune in questione ma gli abitanti sono circa 90.000.
    Al di là della legge poi vi è secondo me un aspetto di buon senso e buona educazione nei confronti degli utenti che non andrebbe mai sottovalutato. Personalmente il mio blog non è esattamente accessibile al momento ma nella prossima release lo sarà sicuramente.

  3. @Marco Pedota: ad occhio mi sembra fin troppo tecnica, considera che la maggior parte degli utenti non capiranno a cosa fai riferimento. Sforzo apprezzabile comunque, è più che dettagliata.

    Ti consiglio di aggiungere un recapito alla fine per la segnalazione di eventuali errori del sito :)