iPad: la recensione

La prova su strada del tablet Apple in versione Wi-Fi, dopo alcuni giorni di utilizzo.

Sono in possesso da circa una settimana di un iPad Wi-Fi da 16Gb, ed in questi giorni posso dire di averlo testato a fondo in tutti gli ambiti che mi interessavano. Questa recensione vuole essere il più possibile obiettiva, mettendo in evidenza pregi e difetti: se avete domande o curiosità i commenti sono a vostra disposizione.

Unboxing e configurazione

La Apple ha ridotto al minimo il contenuto della scatola: oltre all’iPad, c’è solo l’alimentatore e qualche foglio illustrativo. Nessun manuale. Appena acceso il tablet, appare l’indicazione di collegarlo ad iTunes per la prima sincronizzazione: collegato al computer in pochi minuti sono riuscito a riversare all’interno tutti i contenuti e le applicazioni che mi interessavano e che avevo già scaricato per iPhone.

Prime impressioni: ottima velocità

Una delle cose che mi hanno più impressionato è stata la velocità di risposta. Abituato ai tempi dell’iPhone 3G (che ha poco meno di 2 anni), sono rimasto stupito vedendo aprirsi in pochi istanti le stesse applicazioni che sullo smartphone impiegano vari secondi. Il processore A4 fa il suo dovere, e fino ad ora non ho trovato app che riuscissero a metterlo in difficoltà.

Il tempo di risposta alle varie interazioni con lo schermo è eccellente: inutile negarlo, è uno dei vantaggi principali dell’interfaccia realizzata da Apple. Avere un feedback immediato su un touchscreen è fondamentale.

Navigazione in rete

L’iPad si comporta bene navigando in rete: sembra una cosa da poco, ma poter scorrere un sito web usando le proprie mani invece che un mouse dà una sensazione completamente diversa, molto più naturale.

Il caricamento delle pagine via Wi-Fi non mi ha mai dato problemi con una normale linea a 8Mb (circa 6Mb effettivi in download). Non posso dire come si comporti in questo senso l’iPad con connessione 3G, ma facendo le dovute proporzioni con l’iPhone, l’apertura delle pagine sarà sicuramente più lenta quando non si usa la connessione wireless.

L’assenza di Flash

Che problemi mi ha dato il mancato supporto di Flash? Fino ad ora mi sono trovato bloccato in un caso, aprendo un sito di un hotel realizzato interamente in flash e senza versione HTML alternativa. Sorvolando il discorso accessibilità, è stata l’unica situazione in cui ho dovuto ricorrere ad un altro computer.

E’ anche vero che non mi interessano i giochi in Flash e navigo molto spesso per siti informativi dove il testo è prevalente. La mancanza per me non è grave, ma ero ben consapevole di questo al momento dell’acquisto: ovviamente ognuno dovrà fare le sue considerazioni in base all’utilizzo che fa della rete.

Rendering dei siti

Ho rivolto particolare attenzione al rendering dei siti su iPad, argomento che mi interessa direttamente. Tenendo il dispositivo orizzontale, i testi sono quasi sempre leggibili senza bisogno di zoom, a seconda delle dimensioni del font utilizzato. I siti con la classica larghezza di 960-980px non presentano quindi grandi problemi.

Per gli sviluppatori: non ritengo necessario realizzare una versione apposita per iPad di un sito, a meno che non ci siano particolari esigenze. Un esempio potrebbe essere un sito in Flash, con contenuti multimediali che potrebbero essere forniti in HTML5, ma in quel caso invece di realizzare una versione alternativa per il tablet Apple la cosa migliore sarebbe rifare il sito originale in maniera più accessibile.

E’ comunque da considerare con attenzione la dimensioni di elementi come link e pulsanti. Sullo schermo dell’iPad (1024x768px) alcuni oggetti potrebbero apparire troppo piccoli. E’ una cosa che potrebbe mettere in difficoltà alcuni utenti, obbligando a zoomare la pagina prima di premere un pulsante.

Una cosa fastidiosa, che sarà sicuramente risolta con il tempo ma che crea problemi in questo primo periodo di entrata sul mercato dell’iPad, è che molti siti lo riconoscono come un iPhone caricando la versione mobile. Succede anche su questo sito utilizzando il plugin MobilePress: è fastidioso, perché l’iPad ha a tutti gli effetti uno schermo di dimensioni normali, e non c’è motivo di trattarlo al pari di un palmare o di uno smartphone.

Disponibilità di applicazioni

In questi giorni l’App Store sta iniziando a popolarsi di applicazioni per iPad: è normale che siano ancora una minoranza, ma è logico aspettarsi già dalle prossime settimane un buon numero di nuovi programmi. Ce ne sono di gratuite, ma i prezzi medi sono più alti di quelle per iPhone.

Tra quelle che ho potuto provare mi limito a segnalarne un paio:

Dropbox: è eccellente, gratuita, permette di scaricare sull’iPad i file preferiti per quando non si ha la connessione a disposizione e consente di aprire i formati supportati anche con applicazioni esterne (ad esempio i pdf con GoodReader). In pratica avrete accesso in qualsiasi momento ai file che già condividete tra vari computer grazie a Dropbox.

Keynote (iWork): provata per la prima volta in un Apple Store, ho creato una presentazione di 4-5 slide in 2 minuti. Unita ad un eventuale adattatore VGA per collegarsi ad un proiettore esterno, rende l’iPad un ottimo strumento per realizzare delle slide.

Per quanto riguarda iBooks, trovate un discorso a parte più avanti.

Uso delle applicazioni per iPhone

E’ possibile usare le applicazioni per iPhone senza problemi, l’unica differenza è la risoluzione. Portando la visualizzazione a tutto schermo, il risultato è ovviamente sgranato e per me poco soddisfacente: può essere una soluzione di ripiego nel caso di alcune App insostituibili, ma ben presto vi ritroverete a cercare delle alternative apposite per iPad.

Non è solo un discorso di qualità della grafica, ma anche di interfaccia: lo spazio a disposizione sul tablet è inevitabilmente maggiore, per questo motivo utilizzare le applicazioni per iPhone è spesso limitante. Inoltre alcune non permettono di seguire l’orientamento del dispositivo in tutti e quattro i versi, ma ne hanno uno fisso (capita spesso con i giochi).

iPad come e-book reader e iBooks

Ho iniziato a leggere un e-book da qualche giorno e la prima impressione è stata positiva. I libri in formato ePub possono essere importati su iTunes e da lì sincronizzati con l’iPad. Leggere sul tablet fino ad ora non mi ha dato problemi, anche perché è possibile regolare facilmente contrasto, dimensioni e tipo di font (Palatino di default). E’ possibile che per periodi di lettura lunghi lo schermo affatichi comunque la vista: ancora non mi è capitato, ma non escludo che possa succedere dopo alcune ore.

Questa è la cruciale differenza con il Kindle di Amazon, che nasce apposta per un unico scopo e si comporta egregiamente usando l’e-ink. Se avete bisogno semplicemente di un e-book reader, l’iPad non è la scelta migliore, perché consente di fare anche molto altro. Se però siete interessati a leggere dei fumetti, il discorso si fa già più interessante, perché la resa dei colori su schermo è eccellente.

Tastiera virtuale

Inutile negarlo, la tastiera virtuale è scomoda rispetto all’alternativa fisica. Non è difficile da utilizzare con un po’ di attenzione, ma è sicuramente meglio connettere l’iPad ad una tastiera “reale” se si ha intenzione di utilizzarlo per scrivere lunghi testi.

Tenetelo presente anche in base all’uso che ne potreste fare: non ci sono problemi per scrivere l’indirizzo di un sito web, inserire una e-mail, o fare delle brevi chat, ma in altre situazioni potreste trovarla scomoda.

Io mi sto abituando gradualmente, ma la cosa più difficile è trovare una posizione ideale in cui scrivere. Utilizzando il case originale Apple come supporto per tenere l’iPad inclinato non è un gran problema, a patto di essere seduti ad un tavolo o comunque con una superficie di appoggio.

Wi-Fi o 3G?

Dopo aver utilizzato per diversi giorni il modello Wi-Fi, continuo ad essere convinto che l’uso principale dell’iPad sia quello casalingo. Sinceramente non vedo l’utilità dell’acquisto del modello 3G, soprattutto considerando anche la spesa di un abbonamento telefonico aggiuntivo: la soluzione più accessibile al momento è quella di 3 Italia, ma i problemi di copertura continuano a lasciarmi dubbioso.

L’iPad è un dispositivo comunque ingombrante, non può essere portato in tasca e sicuramente non lo tirerete fuori per fare un check-in su Foursquare o per aggiornare il vostro status su Twitter quando siete per strada. In questi casi uno smartphone resta la soluzione ideale.

La versione 3G può avere senso se viaggiate molto e lo schermo del cellulare vi sta stretto per navigare su internet, ma per vedere un film o presentare delle slide la connessione è inutile.

Conclusioni

Non è passato un tempo sufficiente per poter dare giudizi definitivi, ma fino ad ora sono decisamente soddisfatto dell’acquisto. Non c’è un solo modo per utilizzare l’iPad, ma ogni giorno scopro nuove possibilità e mi vengono in mente soluzioni a cui non avevo pensato prima.

Le limitazioni della chiusura del sistema Apple si avvertono solo se avete esigenze tali da non poter tollerare alcuni limiti. Lato hardware, l’unica cosa che avrei trovato comoda sarebbe stato un lettore di memory card integrato, invece di averlo come accessorio esterno.

Sono comunque pronto ad aggiornare questo articolo in futuro, in caso cambiassi opinione su uno dei punti elencati.

Se avete delle curiosità riguardo all’iPad, volete chiedermi qualcosa sul suo funzionamento o siete incuriositi da alcune applicazioni dell’App Store, scrivetemi nei commenti e risponderò a tutte le richieste.

Tommaso Baldovino

UX/UI Designer di Firenze, appassionato di tecnologia e accessibilità, esperto di WordPress, blogger, gamer e amante della fotografia.

25 commenti su “iPad: la recensione”

  1. ehi tommi, c’è un motivo particolare per il quale scrivi “la soluzione più accessibile al momento è quella di 3 Italia, ma i problemi di copertura continuano a lasciarmi dubbioso.”
    Hai avuto parecchi problemi di copertura con 3?

    Sai come la penso: non commento il “Le limitazioni della chiusura del sistema Apple si avvertono solo se avete esigenze tali da non poter tollerare alcuni limiti”… più tempo passa e più penso al jailbreak nel suo vero significato letterale ;)

  2. La mia opinione per quanto riguarda la copertura di rete arriva solo da esperienze con amici e conoscenti, che a volte si sono trovati senza copertura diretta di 3. Magari sbaglio e non ci sono problemi in questo senso, ma ho qualche dubbio, tutto qua.

    Avendo comunque già un iPhone la scelta della versione Wi-Fi era abbastanza logica, per me non aveva senso un secondo contratto :)

  3. com’è l’audio Tom? Nella confezione non ci sono neanche le cuffie?

    Per la copertura a Roma, posso dirvi di non avere avuto alcun problema. Avevo il 3G con vodafone, e passando a 3 con il 3Gs non ho notato cambiamenti.

  4. L’altoparlante è buono, si comporta molto meglio di quello dell’iPhone anche a volumi abbastanza alti. E’ una cosa che avevo letto in altre recensioni ed effettivamente te lo confermo. Le cuffie non ci sono nella confezione.

  5. Altra domanda Tom…puoi farmi un paragone tra la App di WordPress e l’uso dell’amministrazione tramite browser? Dai fammi da tester su un po di cose che me lo compro pure io! XD
    PS ho pubblicato la tua intervista :)

  6. @Steo: con l’applicazione di Dropbox per dispositivi mobili puoi riprodurre praticamente di tutto, anche i .mov. In questa pagina trovi i formati supportati. Se non sei ancora registrato a Dropbox ricordati di farlo tramite il mio referral link, almeno mi regali un po’ di spazio :)

    Per quanto riguarda l’App di WordPress, devo dirti che quella per iPad è ancora piuttosto instabile. Presenta alcuni problemi grafici ruotando il tablet dopo averla aperta, ed i controlli sono ridotti al minimo. E’ possibile praticamente solo scrivere del testo semplice, senza formattazione a meno che tu non abbia voglia di inserire i tag HTML a mano. Anche le immagini possono essere inserite in un post tipo allegati: la dimensione è predefinita (mi pare a 640px di larghezza massima) ed appaiono alla fine del post. Decisamente meglio usare l’interfaccia web, a meno che non si abbia intenzione di scrivere un post breve, di solo testo.

  7. Mmm…interessante. Vedere le differenze tra la app e la admin di WP è il prima cosa che vorrei testare prima di comprarlo…la app per iphone mi sembra davvero inutile se si vogliono post con una formattazione un minimo complessa, ma su iPad la storia sarebbe totalmente differente. Se WP3 avrà anche la possibilità di croppare le foto e fare un minimo di editing, la cosa inizierebbe a farsi interessante. Ma quali immagini si possono caricare? Si ha accesso a dropbox ad esempio? la gestione del file system sull’ipad mi è ancora poco chiara…tra oggi e domani provandolo forse mi toglierò qualche dubbio, che figata abitare a 4 minuti dall’Apple Store di RomaEST!!! EHEHEH XD

    Ciao Tom!

  8. @Steo: dipende molto da quanto tempo vorranno investire nello sviluppo dell’applicazione per WordPress. Ora come ora è parecchio basilare, ma è anche vero che collegandoti con Safari puoi fare tutto, come se fossi ad un computer qualsiasi.

    Per caricare le immagini, non essendoci un file system, hai accesso a tutte quelle presenti nella galleria del dispositivo, quindi le foto sincronizzate con iPhoto, gli sfondi, e quelle salvate direttamente dall’iPad (tipo gli screenshot, ma anche qualsiasi immagine che visualizzi su Safari, che può essere salvata con un tap).

  9. Ciao Tom, ho avuto modo oggi di pacioccarlo un po alla FNAC di Torino e devo dire che non è niente male l’aggeggino, peccato i costi un po altini…

    Due cose volevo chiederti, sorvolando sul discorso FLASH al quale per il momento non c’è soluzione, secondo te per far vedere dei siti a clienti (sono webmaster) potrebbe essere la soluzione giusta ??
    Nel senso da usare come tavoletta per far vedere immagini o (magari collegato alla rete WiFi gratuita) direttamente delle pagine web con Safari, non si hanno problemi di alcun tipo vero ?

    Seconda cosa, non senti la mancanza del ricevitore satellitare, che purtroppo è in dotazione solo nei modelli 3G e non in quelli WiFi ???

    Concordo con te sul fatto che un contratto apposito per iPad non è forse così usato a meno di un utilizzo in mobilità, ma in questo modo perdi anche l’uso delle google maps o sbaglio ??

    Terza e ultima cosa, pensi che un interfacciamento con un Sony XPERIA X1 (Windows Mobile) magari da usare come modem sia pura e semplice utopia ??? :)

    Complimenti per la recensione, molto diversa dalle solite che si leggono sulle riviste patinate, MA MOLTO VERITIERA

  10. @Kiko:
    la batteria funziona veramente bene, rispetta le 10 ore dichiarate e se non guardi tutto il tempo video o giochi, le supera abbondantemente. Io da quando l’ho comprato l’ho caricato una volta sola :)

    @Enryweb:
    per utilizzarlo con dei clienti secondo me è l’ideale, puoi decidere anche di caricarci direttamente delle bozze grafiche. Ovviamente se hai a disposizione una connessione puoi anche mostrare un sito web, la risoluzione a 1024px orizzontali è sufficiente nella maggior parte dei casi. Volendo potresti anche collegarlo ad un monitor esterno con l’adattatore VGA.

    Per quanto riguarda la localizzazione, funziona anche solo con il Wi-Fi ma è molto più lenta e poco precisa. Google Maps funziona, è solo la ricerca della tua posizione che è più lenta e comunque devi avere accesso ad una rete. Considera che io ho già un iPhone, anche per questo non mi serviva la versione 3G.

    Per usare altri smartphone in tethering l’unica possibilità credo sarà il jailbreak, quando sarà possibile.

  11. TOM sei super, mentre sto leggendo altre recensioni (che sembrano fatte tutte da Steve, visto che danno solo i lati positivit del prodotto) mi è venuto in mente ancora una cosa, poi prometto che non rompo più :)

    Sono due domande collegate, la prima è hai già provato Skype su iPad ?
    La seconda, non è dotato di telecamera quindi niente videochiamate Skype ma almeno per chiamate vocali riesce a lavorare bene ?

  12. @Enryweb: ho fatto una prova questo pomeriggio, con l’applicazione per iPhone, che al momento è l’unica disponibile. Le chiamate ad altri account Skype funzionano perfettamente: per il test ho utilizzato gli auricolari dell’iPhone, che hanno un microfono integrato. Dovrebbe funzionare tutto anche con dei semplici auricolari, perché l’iPad comunque ha un microfono integrato accanto al jack delle cuffie.

  13. Concordo sul fatto che l’iPad sia di uso casalingo (mio fratello lo usa da pochi giorni), viste le dimensioni è la soluzione piu’logica, infatti come dici tu è difficile usarlo per strada. A questo punto mi chiedo: visto il prezzo vale la pena comprarlo per poi usarlo come un mini computer da salotto (senza il flash)?

  14. @Graziano: in questi casi la cosa migliore è chiedersi se ti serve davvero acquistarlo :) A me torna utile per molte cose, ma non è detto che sia così per tutti. Comunque considerarlo l’alternativa di un computer è sbagliato, è semplicemente un oggetto differente.

  15. Io l’ho provato in un negozio.. devo dire che mi ha dato l’impressione di essere per lo più un giocattolo, nel senso che è divertente utilizzarlo per lo schermo touch e le solite animazioni piacevoli e fluidità.. però a parte il fattore “fare tendenza” devo dire che ci son eeepc della asus di poco più spessi (e di minori diagonali dimensioni a parità di schermo) che a conti fatti sarebbero molto più utili nonchè meno delicati da portare in giro (e meno costosi, 299 euro ad esempio).. l’iPad invece continua a sapermi più di iPhone gigante, con mancanze hardware e software non indifferenti, che la Apple è riuscita a smerciare bene per le solite campagne mediatiche anche se la gente di fatto magari non ne aveva bisogno.. questa in ogni caso è solo la mia opinione :)

  16. Anch’io ho avuto modo di provarlo per due volte in un negozio (visto che la prima volta mi sono dimenticato di vedere la navigazione web come funzionava :P ) e devo dire che per l’uso che ho in mente io sarebbe perfetto, come definito da tanti è un oggetto che fa scena ma per alcuni usi è perfetto (e a volte un po di scena non guasta mai…)

    Quello che mi chiedevo è, i 100 euro di differenza (sul modello base da 16GB) per il modulo “telefonico” e il GPS valgono l’investimento ???

    O forse si potrebbe dotare di un’antennina a parte in bluethoot (che magari pesa anche meno sulla batteria e la durata) per usare l’iPad in mobilità in caso di mancanza di rete WiFi ??

    Sono combattuto se spendere 100 euro in più o no, o se magari investire quei 100 euro in più per il modello con memoria in più…

  17. Ciao, sai se è possible usarlo con Joikuspot? Nel senso che io uso l’ipod touch anche per strada collegandolo al mio nokia che ha installato joikuspot e non ho mai avuto problemi nella navigazione wifi (a parte scaricare le mail, non so perchè). Uso quindi il pacchetto dati del mio operatore telefonico (Fastweb).
    Quindi io prenderei un semplice wifi 16gb per usarlo principalmente a casa e poi userei joikuspot in giro.
    Che ne pensi?

  18. Ciao,
    ti scrivo in quanto sono in procinto di prendere un ipad ma prima volevo alcune
    delucidazioni da chi come te già ce l’ha:

    – con l’apposito adattatore per usb posso importare quello che voglio su ipad (per
    esempio documenti word,pdf, file mp3, ecc)?
    – le app iwork (con pages, numbers, ecc) sono a pagamento o sono già incluse?
    – se spedisco come allegato un file pages ad un pc con windows lo puo leggere?
    – è complicata la procedura per importare file dal pc all’ipad e viceversa?
    – io l’ho pensato come complemento del pc di casa, visto che è sempre acceso e se
    devo guradare qualche cosa è subito pronto e come archivio di foto, video e musica,
    cosi da poterle far vedere ad amici e conoscenti. Penso giusto?
    – Con il nuovo aggiornamento posso ordinare i files in cartelle, come su windows, vero?

    Intanto penso sia tutto, se del caso mi permetterò di disturbarti ancora.

    Grazie.

  19. ancora una cosa:

    – con l’avvento del multitasking nel nuvo ios, pensi siano sufficienti 256 mb di RAM?
    – si possono importare file word, excel, ecc su ipad?se si si possono ancora modificare?

    Grazie ancora.

  20. Ciao Paolo, non so se hai già provato ad utilizzarne uno, ma considera prima di tutto che la logica dell’iPad è completamente diversa da quella di un pc o di un mac. Ad esempio le cartelle su iPad non sono assolutamente la stessa cosa, è semplicemente un modo per “raggruppare” più applicazioni dello stesso tipo. Per gestire i file devi trovare le applicazioni giuste e sincronizzare da iTunes: nel caso di iWork (le App non sono incluse, devi comprarle) nessun problema con i documenti.

    Per quanto riguarda l’importazione, il camera kit con la usb non serve per trasferire tutti i tipi di file. Funziona con le immagini, ma non con il resto. L’unico modo per gestire file esterni è sincronizzare tramite iTunes, non è difficile ma è solo noioso dover collegare l’iPad ogni volta. L’alternativa che uso io è appoggiarsi a servizi esterni come Dropbox (link referral), dove puoi mettere tutti i tuoi file e leggerli direttamente dall’iPad, sfruttando la connessione.