Responsive Web Design, la recensione

Uno dei migliori libri per la creazione di siti web multipiattaforma, con istruzioni pratiche per usare layout fluidi e media queries.

Responsive Web Design è l’ultimo libro pubblicato da A Book Apart, la società gestita dall’onnipresente Jeffrey Zeldman. Nei mesi scorsi ho avuto modo di leggere le pubblicazioni dedicate a HTML5 e CSS3, ma questo è stato il primo testo che mi ha convinto veramente a scrivere una recensione.

Le pubblicazioni precedenti sono un pratico riassunto per chi vuole iniziare a lavorare con le ultime tecnologie nell’ambito del web design, ma questo testo offre qualcosa di più.

Qual è l’argomento del libro?

La spiegazione di tutte le tecniche necessarie alla realizzazione di siti web multipiattaforma, dal desktop al mobile passando per i tablet, senza per forza ricorrere a pagine con markup differente. Se in passato un sito web poteva essere inteso come un’entità tutto sommato ben definita e relativa ad un unico contesto (lo schermo del pc), adesso questo concetto non esiste più: i contenuti vengono visualizzati sui dispositivi più vari, dall’iPad agli smartphone di ultima generazione, che hanno risoluzioni variabili e caratteristiche diverse tra loro. I siti a larghezza fissa iniziano a diventare obsoleti, e a seconda del contesto e del proprio target potrebbe valere la pena progettare siti web che si adattano all’utente, mantenendo il pieno supporto ai browser più datati.

La prima cosa che si nota leggendo questo libro è un approccio molto pratico alla soluzione dei problemi da parte dell’autore, Ethan Marcotte. Se questo può non piacere ad alcuni, per tutti coloro che amano sperimentare e sporcarsi le mani con il codice Responsive Web Design è il testo perfetto. Solo la teoria essenziale, pochi concetti espressi in maniera molto chiara, e molti esempi con il codice in evidenza pronto per essere testato.

Contenuti

Responsive Web Design è suddiviso nei seguenti capitoli:

  1. Our Responsive Web
  2. The Flexible Grid
  3. Flexible Images (estratto in ingleseestratto in italiano)
  4. Media Queries
  5. Becoming Responsive

Potete leggere un estratto dal terzo capitolo su A List Apart o su Italian A List Apart.

Il libro è in vendita sia in versione cartacea che digitale sul sito di A Book Apart. Se siete interessati all’argomento, volete sapere come utilizzare al meglio le media queries dei CSS3 e vi piacerebbe sapere cosa si intende quando si parla di approccio mobile first, Responsive Web Design fa al caso vostro.

Leggerlo mi ha dato molte idee, e probabilmente nei miei prossimi lavori e nella futura versione di tomstardust.com metterò in pratica molti dei suggerimenti letti.

Tommaso Baldovino

UX/UI Designer di Firenze, appassionato di tecnologia e accessibilità, esperto di WordPress, blogger, gamer e amante della fotografia.

12 commenti su “Responsive Web Design, la recensione”

  1. Lo acquisterò sicuramente. Il massimo sarebbe realizzare delle versioni ad hoc per il mobile e tablet, ma devo dire che questo approccio mi piace tantissimo. Lo studierò nei prossimi mesi perché il responsive web design sarà, non dico il futuro, ma quasi..

  2. Ho scoperto solo oggi questo bellissimo blog e sono rimasto davvero colpito. complimenti sinceri all’autore che sta facendo davvero un ottimo lavoro. continua così!