Spingere gli utenti ad aggiornare Explorer 6

Alcuni consigli pratici per incentivare l’aggiornamento di IE6.

Su questo blog ci sono state numerose discussioni su Internet Explorer 6 e su quanto renda complicata la vita degli sviluppatori. E’ possibile rimanere passivi e aspettare la sua lenta morte, ma non è detto che questo sia l’atteggiamento migliore. Ogni web designer infatti può dare un contributo alla sparizione di questo browser, che esiste dal 2001.

Le soluzioni possibili

Il modo migliore per far capire ad un utente che il suo browser è obsoleto, è presentargli una versione del sito alternativa. Sfruttando i commenti condizionali è possibile fornire ad IE6 un CSS su misura:

<!--[if lte IE 6]>
<link rel="stylesheet" type="text/css" href="http://www.sito.com/css/ie6.css" />
<![endif]-->

In questo modo tutte le versioni di Explorer precedenti alla 7 vedranno il sito in maniera diversa: potrete divertirvi come volete con questo foglio di stile. Un eccellente esempio di personalizzazione è offerto da questo sito, che con IE6 appare interamente in bianco e nero.

Anche su TomStardust.com ho voluto fare qualcosa: adesso navigando con il browser Microsoft l’header appare diverso, e compare anche un avviso che invita il visitatore ad aggiornare. Tutto è collegato ad una nuova pagina creata per l’occasione, con i link per il download dei migliori browser. Come avrete capito non sono comunque a favore delle soluzioni drastiche: è bene che i contenuti siano accessibili in ogni caso.

TomStardust.com: versione per Explorer 6

La soluzione definitiva?

Ovviamente questi interventi non potranno portare in tempi brevi alla sparizione di IE6. Molti utenti continueranno ad utilizzarlo perchè non possono fare altrimenti, magari per obblighi aziendali.

E’ comunque importante dare un segnale: esistono già diverse campagne di sensibilizzazione e siti come Facebook da tempo presentano avvisi agli utenti di Explorer 6. Il 2009 probabilmente non vedrà sparire questo browser, ma potrebbe essere l’anno della svolta.

Tommaso Baldovino

UX/UI Designer di Firenze, appassionato di tecnologia e accessibilità, esperto di WordPress, blogger, gamer e amante della fotografia.

8 commenti su “Spingere gli utenti ad aggiornare Explorer 6”

  1. Da sviluppatore web so bene quanti problemi porti IE6 .. una piaga di Internet.

    Purtroppo so anche che in alcuni casi l’upgrade sara’ davvero lungo.

    Per esempio .. sono solito studiare in una biblioteca pubblica.. dove vi sono anche postazioni internet, basate ovviamente su IE6. Purtroppo non oso pensare a quando queste verranno aggiornate, considerando che il so e’ Win98 e non penso ci metta le mani su qualcuno da parecchi anni. Eppure .. tutti i giorni tantissimi utenti usano le postazioni per navigare.. e’ quasi sempre pieno!

    Forse un metodo potrebbe essere proprio quello di bloccare IE 6 o renderne l’uso pesantemente limitante (vedi articolo) .. proprio con lo scopo di far “insorgere” gli utenti per portarli a fare il casino affinche si aggiornino i software.

    La cosa importante da notare e’ che basterebbe che alcuni big players (facebook, gmail, hotmail) rendessero inutilizzabile IE 6 per provocare un massiccio upgrade.

    Tempo fa, per quanto riguarda PHP, fu organizzato una massiccia rottura alla backward compatibility con PHP 4, tramite il sito gophp5.org .. che fu un grande successo. Lo scopo era quello di forzare gli amministratori di hosting ad aggiornare PHP disponibile sui server. Progetti tipo del calibro di Drupal si organizzarono dicendo: “tra X mesi buttiamo via PHP4, hosting providers adeguatevi”

    Perche’ non fare una cosa del genere anche per IE 6?

  2. Oramai, se posso, cerco di ignorare i “dettami” di IE6, sperando che scompaia presto dalla faccia della terra!
    Poi, caso per caso, bisognerebbe considerare quest’analisi su tutto il panorama del web

  3. Purtroppo per almeno altri due anni dobbiamo “accollarci” ancora ie6. Internet è libero e deve essere accessibile a tutti. Tanto una volta che si riuscirà a debellare ie6 (ne parlo quasi fosse una malattia), avremo dei problemi con il supporto dei css3 che in ie7 è completamente assente.

    P.s. proprio questa mattina ho pubblicato un post riguardo l’alternativa ai conditional css, diciamo che è stata una mia piccola scoperta personale. Attendo vostri commenti…

  4. A proposito di Facebook, avevo usato anch’io il trucco del conditional css per IE6, ma quando si pubblicava/condivideva un link su fb appariva il testo nascosto nell’excerpt del link. Sempre.

  5. Sbaglio o i sistemi W2k non possono installare IE7?
    basterebbe un gesto di buona volontà di MS

  6. E’ vero, anche il mancato supporto di Win 2000 è tra i motivi. La Microsoft ormai non ha alcun interesse a seguire sistemi operativi obsoleti, purtroppo possiamo solo attendere la naturale sparizione di queste configurazioni…

  7. Internet Explorer 6 ha tormentato per anni noi sviluppatori. Ha grossi difetti per quanto concerne l’interpretazione dei CSS. La soluzione del foglio di stile alternativo è una buona idea ma la soluzione definitiva vista come una campagna di sensibilizzazione all’abbandono dell’utilizzo di questo ormai obsoleto browser è veramente fantastica!

    Detto questo, a mio avviso ci sono due motivi principali per cui IE6 non è stato ancora abbandonato del tutto:
    1 – Aggiornare IE6 alle nuove versioni utilizzando una copia pirata di Windows, senza farsi “notare” dalla Microsoft è abbastanza complicato per un utente medio, che, quindui, preferisce mantenere il browser obsoleto piuttosto che acquistare una licenza di Windows.
    2 – La realtà dell’IT nella Pubblica Ammnistrazione italiana è veramente deprimente: computer, sistemi operativi e browser vecchi anche più di 10 anni.