Stylegala in disgrazia?

StylegalaMolti appassionati di web design conosceranno Stylegala, uno dei più famosi siti showcase. I siti recensiti per me sono sempre stati un esempio da seguire, e l’essere presente nella galleria è sempre stato sinonimo di grande qualità.

Da qualche tempo però, e più precisamente da quando Stylegala è stato messo in vendita, lo standard dei siti recensiti è calato drasticamente, e non sono solo io a dirlo. Siti con layout approssimativi, colori discutibili, per non parlare dei problemi di accessibilità ed usabilità. Vi basta dare un’occhiata alle ultime entrate per capire a cosa mi riferisco, siti che finora sono ben sotto la sufficienza anche secondo i visitatori.

Cosa ha portato ad uno scenario simile?

A mio parere i nuovi recensori non hanno le capacità tecniche di valutare in maniera corretta i siti in attesa di approvazione. Se prima Stylegala era un esempio, il top delle gallerie CSS, adesso ha perso gran parte del suo appeal.

Questo caso deve servire per il futuro, spesso scendere a compromessi per aumentare il numero di segnalazioni potrebbe rivelarsi un boomerang. Se non ci sono siti degni di nota, una galleria che si rispetti deve limitare la propria attività piuttosto che accettare tutto il possibile abbassando i propri standard.

Non scendo poi nel dettaglio dei siti showcase, perchè ancora oggi il problema più evidente è che spesso viene considerato esclusivamente l’aspetto grafico senza guardare la validità del codice o l’usabilità. Questa potrebbe però essere una scelta voluta, discutibile, ma accettabile, almeno finchè non si sarà sviluppata una maggiore sensibilità globale su questi temi.

Tommaso Baldovino

UX/UI Designer di Firenze, appassionato di tecnologia e accessibilità, esperto di WordPress, blogger, gamer e amante della fotografia.