WordPress 2.6: un CMS ancora più evoluto

E’ stata appena rilasciata la versione 2.6 della piattaforma di blogging più famosa. Tutte le novità provate per voi.

I progressi fatti da WordPress negli ultimi mesi hanno qualcosa di incredibile. Dopo il salto in avanti fatto dalla versione 2.5, a pochi mesi di distanza è stata rilasciata al pubblico la release 2.6 che offre numerosi miglioramenti.

Dopo aver provato personalmente tutte le nuove feature, ecco le più importanti nel dettaglio.

Archivio delle versioni di un post

In inglese più semplicemente “Post revisions”, è una funzione tanto semplice quanto essenziale, che permette di avere a disposizione tutte le versioni dello stesso post. E’ possibile confrontarle, vedere le differenze e scegliere su quale lavorare.

Bookmarklet Press this!

Per facilitare ulteriormente la vita dei blogger, è stata creata una bookmarklet da aggiungere al proprio browser che permette di postare qualsiasi pagina in cui ci si trovi. La cosa fantastica è che si adatta al sito in cui ci si trova: usandola su YouTube vi troverete il codice del video già pronto, su Flickr avrete le immagini pronte per essere pubblicate, e così via.

Google Gears

Come annunciato già in precedenza da Matt Mullenweg, il supporto di WordPress a Google Gears era in programma da tempo. Non è ancora possibile lavorare completamente offline, ma questa novità consente di velocizzare la consultazione e la gestione del proprio blog, scaricando in locale file javascript e CSS.

Una volta attivata la funzione troverete sul pannello di amministrazione un pulsante “Turbo” che non ha bisogno di ulteriori spiegazioni. Il supporto al momento è solo per Firefox ed Internet Explorer.

Anteprima dei temi

Finalmente è possibile vedere l’anteprima di un tema WordPress prima di attivarlo. Da ora in avanti, cliccando su uno dei template installati vedrete apparire una finestra con il vostro blog nella sua nuova veste. Potrete così controllare che tema venga visualizzato correttamente ancora prima di renderlo pubblico.

Le altre novità di WordPress 2.6

  • Avatar (gravatar) di default personalizzabili
  • Possibilità di aggiungere dei sottotitoli alle immagini
  • Conteggio delle parole del post che si sta scrivendo
  • Possibilità di passare dall’uploader flash alla versione html in caso di problemi
  • Ordinamento drag & drop delle gallerie

Conclusioni

La nuova versione non sarà esente da difetti e molti dettagli possono essere migliorati, ma WordPress sta diventando sempre più la piattaforma di blogging per eccellenza. E’ in fasi come queste che ci si rende conto della potenza dello strumento che si sta utilizzando, dove le feature principali sono ben consolidate e molti aggiornamenti riguardano dettagli che migliorano l’esperienza dell’utente, ma non sono fondamentali.

In questi giorni tra l’altro è da registrare il passaggio a WordPress di una testata come il blog di HTML.it: Edit.

Se avete altre curiosità e volete conoscere l’elenco completo delle novità di WordPress 2.6 vi consiglio di leggere anche il post ufficiale di presentazione. Troverete anche un video, chiaro e ben realizzato.

Download Gratuiti: 10 Idee per farsi conoscere

10 consigli per acquisire nuovi lettori rilasciando materiale gratuito. Free è la parola magica.

DownloadChi scrive su un blog spesso ha varie conoscenze tecniche, che possono spaziare dalla grafica alla programmazione. Come poter sfruttare le proprie capacità per farsi conoscere, apprezzare ed acquisire più lettori? Il modo più immediato passa senza dubbio per il rilascio di materiale gratuito.

Free è la parola magica, distribuire un prodotto gratuitamente attira sicuramente più utenti rispetto alla vendita di materiale anche a costi bassissimi. Se avete dubbi su cosa potreste rilasciare, ecco alcuni esempi.

1. Icone

Uno dei prodotti più diffusi. I set di icone gratuite sono una grande attrattiva, ovviamente la qualità deve essere all’altezza.
Esempi: Silk Icons, Liquidicity Vector Icons

2. Bottoni ed elementi grafici

Potete realizzare e distribuire tutti gli elementi grafici che appaiono su una pagina web: bottoni, menu, decorazioni, anche in diverse varianti di colore per offrire più scelta.

Esempio: Liquidicity Vector Buttons

3. Photoshop Brushes

I pennelli per Photoshop sono sempre più diffusi. In rete se ne trovano in abbondanza, ma quelli di qualità sono rari. Se decidete di realizzare un set, ricordatevi che l’alta risoluzione è benvenuta.

Esempio: Fresh Foliage Photoshop Brushes

4. Photoshop/Fireworks Styles

Un’idea semplice ma utilissima è quella di rilasciare degli stili pronti da usare per Photoshop, Fireworks o altri programmi simili. Su questa strada le possibilità sono molteplici.

Esempio: Ultimate Web 2.0 Layer Styles

5. Temi WordPress, Joomla & co.

Qui la difficoltà aumenta, ma visto che la cosa mi riguarda direttamente vi posso dire che un tema di successo porta numerosi contatti, diverse richieste di lavoro e soprattutto molti backlinks. L’importante è che il tema sia originale per emergere dalla massa.

Esempi: Stardust WordPress Theme, dfTheme for Joomla

6. Video Tutorials e Screencast

Un tutorial video è un contenuto diverso dagli altri presentati fino ad ora, ma che può permettere di ottenere un buon ritorno in termini di visite. Basta un software come Jing ed un argomento interessante.

Esempio: come aggiornare WordPress di Andrea Beggi

7. Wallpapers

Gli sfondi per il desktop sono sempre apprezzati, ma tenete presente che il target dei visitatori in questo caso potrebbe allontanarsi dal vostro ambito, molto più che negli altri casi elencati.

Esempio: nDesign Studio Wallpapers

8. Estensioni per Firefox

Se siete degli sviluppatori, uno dei modi possibili per farvi conoscere è realizzare un’estensione per Firefox. I linguaggi necessari sono Javascript, CSS e XUL.

Esempio: Web Developer

9. Plugin per WordPress

Sempre in ambito programmazione, un’altra soluzione riguarda WordPress. La community che utilizza questa piattaforma di blogging è enorme, rilasciare un plugin utile è un’ottimo modo per farsi conoscere.

Esempio: Google and Feedburner Reports Plugin

10. Documenti tecnici

Un’altra soluzione possibile riguarda la distribuzione di documenti tecnici, magari in pdf. Un’alternativa è distribuire una raccolta dei propri migliori articoli, o i risultati di un sondaggio che avete ospitato.

Esempio: A List Apart Web Design Survey

Per concludere, ci sono molti tipi di contenuti che si prestano ad essere distribuiti tramite il proprio blog. Il mio consiglio è di trovare l’idea che meglio si possa combinare con le proprie capacità. E’ inutile inventarsi designer e rilasciare materiale scadente se non si ha il talento necessario, in tal caso meglio cimentarsi in qualcosa di diverso. Ciò che viene pubblicato deve essere sempre a buoni livelli, altrimenti sarà solo tempo perso. La qualità è fondamentale.