Slidecake: Flash slider + giveaway licenze

Presentazione di un nuovo slider Flash con contest/giveaway per vincere due licenze gratuite.

Slidecake è uno slider Flash realizzato da Filippo Lughi di FlepStudio. Personalizzabile tramite un file XML esterno, consente di inserire in una pagina web un oggetto sicuramente di impatto e facilmente personalizzabile.

Chi segue questo blog da tempo sa che molto spesso ho avuto posizioni critiche nei confronti della tecnologia Flash, ma come sempre capita in queste situazioni i problemi principali si hanno quando viene utilizzata male e senza attenzione. Non è questo il caso, perché il prodotto di Filippo è di tutto rispetto.

Continua a leggere Slidecake: Flash slider + giveaway licenze »

Il Web per non vedenti: qual è il giudizio degli utilizzatori di Screen Reader?

Un sondaggio rivolto ad utenti di Screen Reader mostra qualche sorpresa ed i progressi del web mobile.

WebAIM ha pubblicato i risultati di un recente sondaggio (Ottobre 2009), tra 665 utilizzatori di screen reader. E’ la seconda edizione di questo sondaggio: ne avevo infatti già parlato l’anno scorso, in un articolo sull’utilizzo dei lettori di schermo per effettuare test di accessibilità.

I risultati sono importanti: non condizioneranno in maniera rivoluzionaria le abitudini dei web designer attenti a queste tematiche, ma danno un quadro completo di questa specifica categoria di utenti. Tra le note più interessanti:

  • Il 66,4% utilizza JAWS come screen reader principale
  • Il 49% usa abitualmente più di uno screen reader, a seconda del contesto
  • Il 53% degli utenti disabili usa uno screen reader su un dispositivo mobile
  • I problemi principali sulle pagine web sono dati da CAPTCHA, contenuti Flash inaccessibili e link ambigui
  • Il 46% pensa che il web stia diventando più accessibile che in passato
  • Social Media: il 51% usa YouTube, il 47% un blog, il 42% Facebook ed il 38% Twitter
  • Twitter è giudicata la piattaforma più accessibile
  • Per trovare informazioni su una pagina, il 50% scorre i titoli (h1, h2…) ed il 22% usa la ricerca interna

Uno dei dati più sorprendenti riguarda l’utilizzo di dispositivi mobili. Sicuramente è un settore in cui sono stati fatti molti progressi nell’ultimo anno, e credo che abbia avuto una buona importanza anche l’uscità dell’iPhone 3Gs con VoiceOver. Potrebbe sembrare strano, ma i dispositivi touchscreen accessibili sono ormai realtà, e se siete interessati vi consiglio di leggere recensioni come quella di Marco Zehe, che racconta la sua esperienza personale con questo smartphone.

Rispetto all’anno scorso, le raccomandazioni rimangono più o meno le stesse: le intestazioni continuano ad avere una grande importanza per l’accessibilità di una pagina web, ed uno dei problemi principali sono ancora i CAPTCHA e Flash. In certi progetti è impossibile farne a meno, ma sapere che potrebbero creare problemi è già un primo passo.

Flash e i motori di ricerca

Il difficile rapporto tra Flash ed i motori di ricerca, analizzando i principali motivi per cui non dovrebbe essere usato per i contenuti.

Dopo l’annuncio di Google della migliorata indicizzazione dei contenuti Flash, diverse persone avranno pensato ad una rivoluzione del web.

In realtà le cose non stanno esattamente così, perchè Flash se utilizzato in maniera sbagliata continua ad avere grandi limiti. Ispirato da un articolo di SEOmoz, voglio approfondire il discorso mostrando le incompatibilità tra Flash ed i motori di ricerca.

1. Le URL non cambiano con i contenuti

A mio parere è uno dei difetti principali di Flash. Quante volte vi è capitato di navigare su un sito realizzato con questa tecnologia, vedere una pagina interessante e volerla linkare? Vi sarete sicuramente accorti che l’unica cosa possibile è indicare la URL della home fornendo le istruzioni per arrivare alla pagina desiderata: scomodo ed inefficiente.

2. Non si guadagnano link esterni

Questa è una conseguenza diretta del primo punto, ed una grave penalizzazione. Considerando che i motori di ricerca si basano anche sui link esterni per ordinare i risultati, realizzare un sito in Flash significa al massimo riuscire a posizionare la propria homepage e niente altro.

3. I testi spesso non sono formattati e ordinati

Molto dipende da chi ha realizzato il Flash, ma spesso i contenuti testuali non rispettano l’ordine logico con cui appaiono nella pagina. Inoltre è difficile trovare dei testi organizzati semanticamente, come accade nell’HTML.

4. Le regole SEO di base spesso non vengono seguite

E’ possibile realizzare delle animazioni Flash e, osservando alcune regole di massima, cercare di farle indicizzare correttamente. Un suggerimento potrebbe essere caricare i contenuti formattati tramite un xml esterno. Nella maggior parte dei casi però chi sviluppa non conosce o non segue queste indicazioni, rendendo impossibile il lavoro dei motori di ricerca.

5. Molti contenuti Flash non vengono comunque indicizzati

Anche rivolgendo la massima attenzione nella realizzazione di un Flash, non avrete garanzie che il vostro lavoro venga indicizzato dai motori di ricerca. Un esempio pratico riguarda Google, che non riesce ancora ad indicizzare i file .swf inclusi tramite SWFObject.

Conclusioni

Uno dei modi migliori per utilizzare Flash resta quello a scopo decorativo: realizzare animazioni ed effetti particolari spesso può essere fatto solo con questa tecnologia. E’ vero che Javascript ci ha riservato numerose sorprese a riguardo, ma non c’è niente di male ad usare Flash per questo.

L’importante è tenere presente che Flash non andrebbe mai utilizzato per i contenuti delle vostre pagine. Se non volete essere penalizzati nei risultati ottenuti, non usatelo per testi, titoli o menu di navigazione, anche se avete intenzione di fornire un’alternativa testuale.