HTC Dream e HTC Magic in Italia

Arrivano in Italia i nuovi smartphone HTC con Android, il sistema operativo di Google. Cosa cambia rispetto all’iPhone?

E’ sbarcato in Italia HTC Dream, il primo telefono con Android, il sistema operativo di Google di cui si parla da tempo, ma che non è stato ancora capace di conquistare una buona fetta di mercato in America.

Incuriosito dalla novità, ho voluto esaminare le caratteristiche tecniche di questo telefonino e del prossimo HTC Magic, che uscirà ad Aprile il 5 Maggio. Mi interessava soprattutto sapere le differenze con l’iPhone, il principale rivale del settore.

HTC Dream

HTC Dream
In Italia sarà l’HTC Dream ad aprire la strada ad Android: sarà venduto senza vincoli da Tim a 429€, un prezzo decisamente più alto rispetto a quanto ci si aspettava. Qualcuno parlava addirittura di prezzi intorno ai 100-200€: era un’utopia.

E’ lo smartphone di HTC munito di tastiera, che però mostra un design massiccio e più ingombrante rispetto all’iPhone.

HTC Magic

HTC Magic

Ad Aprile Il 5 Maggio sarà la volta di HTC Magic, la vera novità. Senza tastiera fisica, mostra un design più elegante, sarà venduto in bianco e nero (ricorda niente?) a 449€ sia da Vodafone che da Tim.

Il confronto con iPhone

Quello che interessa di più è l’analisi delle differenze con lo smartphone Apple, il vero rivale.

Software

I modelli HTC hanno inevitabilmente la meglio dal punto di vista dell’apertura a software di terze parti: usando Android, sarà molto più facile installare qualsiasi cosa su questi telefonini. Su iPhone o si passa attraverso l’App Store o si esegue il jailbreak invalidando la garanzia, non ci sono altre vie.

Tastiera fisica

Se siete amanti della tastiera, il Dream è l’unico che la possiede, ma è importante fare alcune considerazioni sull’ergonomia. Presenta infatti alcuni problemi di maneggevolezza, dovuti alla sporgenza sulla destra del telefonino con la trackball ed i tasti di navigazione. Non è raro trovarsi a sfiorare la trackball o un tasto scrivendo sulla tastiera. Considerando che con l’iPhone OS 3.0 che sarà rilasciato a Giugno, la tastiera virtuale sarà sempre disponibile anche in modalità ingrandita ruotando il telefono, la scelta è da valutare con attenzione.

Touchscreen

E per quanto riguarda il touchscreen? Una cosa importante da sottolineare è che entrambi gli HTC hanno uno schermo capacitivo, come quello dell’iPhone: sensibile allo sfioramento con le dita e non alla pressione, cosa che sui sistemi con Windows Mobile o sui più recenti Nokia (ad esempio il 5800 Xpress Music) farà dannare più di un utente. L’esperienza d’uso di uno schermo simile è sicuramente migliore: personalmente non comprerei mai un telefono con touchscreen resistivo a meno di non preferire il pennino come strumento di input.

Parlando di multitouch c’è un’altra nota importante da considerare: è presente solo su iPhone e non sui due HTC. Una mancanza non da poco. La prima cosa che mi è venuta in mente è la scrittura sulla tastiera virtuale dell’HTC Magic: non sarà possibile premere due lettere in sequenza veloce.

La batteria

La batteria dell’iPhone può essere sostituita solo portandolo in assistenza, quello degli HTC è intercambiabile: un punto a favore per questi ultimi. Per quanto riguarda la durata però, non aspettatevi miracoli, anzi. La durata dichiarata dell’HTC Magic in standby è addirittura inferiore a quella dell’iPhone: difficilmente arriverà a due giorni di autonomia: la possibilità di avere più applicazioni in background si fa sentire in questo senso.

Esperienza d’uso

Il vero vantaggio dell’iPhone è il sistema operativo: è su questo campo che avviene il vero scontro con i telefonini con Android. Il successo di un dispositivo viene decretato dalla sua facilità d’uso e dalla velocità di risposta, e probabilmente sarà l’HTC Magic il rivale più agguerrito.

A seguire potete vedere un video tour di questo smartphone, dove si nota l’ottima velocità di risposta oltre all’integrazione ben realizzata con tutti i servizi Google, da YouTube a Google Maps:

Aggiornamento del 25 Marzo 2009: è stato pubblicata un’altra videorecensione dell’HTC Magic molto interessante. Bello anche il confronto con l’iPhone l’iPod Touch, che risulta di dimensioni simili anche se ovviamente più sottile: la velocità di risposta sembra comunque eccellente. Ecco il video:

Conclusioni

La scelta, considerando che il prezzo non è così differente tra i vari dispositivi, dipende dalle vostre preferenze. Fondamentale documentarsi, provare i dispositivi e capire quale risponde alle vostre esigenze: è inutile comprare un iPhone per l’estetica se pensate di non riuscire a scrivere con una tastiera virtuale, in quel caso molto meglio l’HTC Dream.

Cercate di scoprire tutte le piccole differenze che possono interessarvi, senza dare per scontato che gli smartphone Android siano meno “chiusi”. Un esempio? Le cuffie dell’HTC Magic usano un connettore proprietario, quindi niente jack standard da 3,5mm per i vostri auricolari preferiti.