UX e iPhone 5S / 5C

Alcune novità introdotte dai nuovi modelli di iPhone potranno migliorare l’esperienza d’uso: ecco Touch ID e iBeacon.

Con l’uscita dei nuovi modelli di iPhone, Apple si è assicurata la solita dose di attenzioni. La mia si è rivolta fin da subito ad alcune novità che miglioreranno l’esperienza d’uso dei nuovi smartphone.

Di cosa sto parlando? Presto detto:

  • Touch ID: il sistema di autenticazione basato sull’impronta digitale
  • iBeacon: il sistema di invio dati tramite Bluetooth 4.0 agli smartphone nelle vicinanze

Queste due novità riguardano in maniera molto stretta l’esperienza utente, e dovrebbero farci ricordare a cosa ci riferiamo quando si parla di UX. Troppo spesso negli ultimi tempi ho visto web designer cambiare la propria etichetta seguendo la moda del momento, e diventare UX designer.

È bene ricordare che UX significa user experience.

L’esperienza è qualcosa che va al di là del singolo prodotto, non è un banale elenco di caratteristiche tecniche, e molto spesso non è prevedibile. È per questo motivo che ho iniziato ad immaginare cosa potrebbe comportare la diffusione del nuovo iPhone, e come potrebbe essere il mondo in cui viviamo tra pochi anni.

Continua a leggere UX e iPhone 5S / 5C »

HTC Dream e HTC Magic in Italia

Arrivano in Italia i nuovi smartphone HTC con Android, il sistema operativo di Google. Cosa cambia rispetto all’iPhone?

E’ sbarcato in Italia HTC Dream, il primo telefono con Android, il sistema operativo di Google di cui si parla da tempo, ma che non è stato ancora capace di conquistare una buona fetta di mercato in America.

Incuriosito dalla novità, ho voluto esaminare le caratteristiche tecniche di questo telefonino e del prossimo HTC Magic, che uscirà ad Aprile il 5 Maggio. Mi interessava soprattutto sapere le differenze con l’iPhone, il principale rivale del settore.

HTC Dream

HTC Dream
In Italia sarà l’HTC Dream ad aprire la strada ad Android: sarà venduto senza vincoli da Tim a 429€, un prezzo decisamente più alto rispetto a quanto ci si aspettava. Qualcuno parlava addirittura di prezzi intorno ai 100-200€: era un’utopia.

E’ lo smartphone di HTC munito di tastiera, che però mostra un design massiccio e più ingombrante rispetto all’iPhone.

HTC Magic

HTC Magic

Ad Aprile Il 5 Maggio sarà la volta di HTC Magic, la vera novità. Senza tastiera fisica, mostra un design più elegante, sarà venduto in bianco e nero (ricorda niente?) a 449€ sia da Vodafone che da Tim.

Il confronto con iPhone

Quello che interessa di più è l’analisi delle differenze con lo smartphone Apple, il vero rivale.

Software

I modelli HTC hanno inevitabilmente la meglio dal punto di vista dell’apertura a software di terze parti: usando Android, sarà molto più facile installare qualsiasi cosa su questi telefonini. Su iPhone o si passa attraverso l’App Store o si esegue il jailbreak invalidando la garanzia, non ci sono altre vie.

Tastiera fisica

Se siete amanti della tastiera, il Dream è l’unico che la possiede, ma è importante fare alcune considerazioni sull’ergonomia. Presenta infatti alcuni problemi di maneggevolezza, dovuti alla sporgenza sulla destra del telefonino con la trackball ed i tasti di navigazione. Non è raro trovarsi a sfiorare la trackball o un tasto scrivendo sulla tastiera. Considerando che con l’iPhone OS 3.0 che sarà rilasciato a Giugno, la tastiera virtuale sarà sempre disponibile anche in modalità ingrandita ruotando il telefono, la scelta è da valutare con attenzione.

Touchscreen

E per quanto riguarda il touchscreen? Una cosa importante da sottolineare è che entrambi gli HTC hanno uno schermo capacitivo, come quello dell’iPhone: sensibile allo sfioramento con le dita e non alla pressione, cosa che sui sistemi con Windows Mobile o sui più recenti Nokia (ad esempio il 5800 Xpress Music) farà dannare più di un utente. L’esperienza d’uso di uno schermo simile è sicuramente migliore: personalmente non comprerei mai un telefono con touchscreen resistivo a meno di non preferire il pennino come strumento di input.

Parlando di multitouch c’è un’altra nota importante da considerare: è presente solo su iPhone e non sui due HTC. Una mancanza non da poco. La prima cosa che mi è venuta in mente è la scrittura sulla tastiera virtuale dell’HTC Magic: non sarà possibile premere due lettere in sequenza veloce.

La batteria

La batteria dell’iPhone può essere sostituita solo portandolo in assistenza, quello degli HTC è intercambiabile: un punto a favore per questi ultimi. Per quanto riguarda la durata però, non aspettatevi miracoli, anzi. La durata dichiarata dell’HTC Magic in standby è addirittura inferiore a quella dell’iPhone: difficilmente arriverà a due giorni di autonomia: la possibilità di avere più applicazioni in background si fa sentire in questo senso.

Esperienza d’uso

Il vero vantaggio dell’iPhone è il sistema operativo: è su questo campo che avviene il vero scontro con i telefonini con Android. Il successo di un dispositivo viene decretato dalla sua facilità d’uso e dalla velocità di risposta, e probabilmente sarà l’HTC Magic il rivale più agguerrito.

A seguire potete vedere un video tour di questo smartphone, dove si nota l’ottima velocità di risposta oltre all’integrazione ben realizzata con tutti i servizi Google, da YouTube a Google Maps:

Aggiornamento del 25 Marzo 2009: è stato pubblicata un’altra videorecensione dell’HTC Magic molto interessante. Bello anche il confronto con l’iPhone l’iPod Touch, che risulta di dimensioni simili anche se ovviamente più sottile: la velocità di risposta sembra comunque eccellente. Ecco il video:

Conclusioni

La scelta, considerando che il prezzo non è così differente tra i vari dispositivi, dipende dalle vostre preferenze. Fondamentale documentarsi, provare i dispositivi e capire quale risponde alle vostre esigenze: è inutile comprare un iPhone per l’estetica se pensate di non riuscire a scrivere con una tastiera virtuale, in quel caso molto meglio l’HTC Dream.

Cercate di scoprire tutte le piccole differenze che possono interessarvi, senza dare per scontato che gli smartphone Android siano meno “chiusi”. Un esempio? Le cuffie dell’HTC Magic usano un connettore proprietario, quindi niente jack standard da 3,5mm per i vostri auricolari preferiti.

Tim, Vodafone e le tariffe per iPhone 3G

Sono stati resi pubblici i prezzi per l’iPhone 3G dei due operatori italiani. Peccato che la vera potenzialità dello smartphone Apple non sia stata compresa.

Che l’iPhone sia il prodotto tecnologico del momento è indiscutibile. Dopo averlo presentato, con alcune indiscrezioni sui prezzi di vendita, oggi possiamo anche conoscere le tariffe in abbonamento di Tim e Vodafone.

Non c’è da sorridere, perchè come molti temevano i due maggiori operatori italiani hanno presentato dei piani dai costi inverosimili, che vanno dai 30€ ai 200€ mensili. Sì, avete capito bene, 200€ mensili per 2 anni.

Ecco le tariffe in abbonamento nel dettaglio, seguite da alcune considerazioni a cui potrete rispondere nei commenti.

Piani tariffari Tim

  • iPhone starter: 30€ al mese per avere 1Gb di traffico dati e niente altro
  • iPhone 250: 50€ mensili per 250 minuti di telefonate, 100 sms e 1Gb di traffico internet
  • iPhone 600: 80€ al mese per 600 minuti di telefonate, 200 sms e 1Gb di traffico internet
  • iPhone 900: 110€ al mese per 900 minuti di telefonate, 900 sms e 1Gb di traffico internet
  • iPhone unlimited: 200€ al mese per 5000 minuti di telefonate, 1500 sms e 5Gb di traffico internet

A queste cifre mensili va ad aggiungersi il prezzo del telefono, che va da 269€ a 0€ a seconda del modello scelto e dell’abbonamento.

Per le ricaricabili invece è presente l’offerta Maxxi Tim, che con 10€ mensili offre 30Mb al giorno di traffico dati.

Piani tariffari Vodafone

  • Facile Medium: 59€ al mese per 400 minuti di telefonate e 400 sms, più 600Mb di traffico internet
  • Special Edition: 79€ al mese per chiamate ed sms illimitati verso Vodafone, 250 minuti e 250 sms verso gli altri operatori, e 600Mb di traffico dati
  • Facile Large: 99€ al mese per 900 minuti di telefonate, 900 sms e 600Mb di traffico internet.

Il prezzo dell’iPhone oscilla tra 269€ e 49€, a seconda dell’abbonamento scelto e del modello.

Per le ricaricabili è presente la tariffa Vodafone Pack, che offre 150Mb a settimana al costo di 3€.

Considerazioni sulle tariffe

Dopo il quadro generale sulle tariffe presentate da Tim e Vodafone, è doveroso fare alcune considerazioni. La prima è che nessuno sembra avere realmente compreso l’utilizzo principale dell’iPhone: la navigazione su internet.

Per sfruttarlo al meglio è necessario essere collegati alla rete, e visto che la copertura wireless in Italia è quasi inesistente, era fondamentale offrire un buon pacchetto dati. Peccato che nè Tim nè Vodafone abbiano una tariffa con queste caratteristiche, anzi il limite di traffico in certi casi è ridicolo.

Basti pensare che per le ricaricabili le uniche proposte danno 150Mb a settimana, o nella versione Tim 30Mb al giorno: dopo aver consultato la posta, letto i feed e aver navigato sui soliti siti quotidiani non resterà molto. Impensabile vedere più di qualche video su YouTube.

Anche gli abbonamenti non aiutano: quelli Vodafone offrono al massimo 600Mb, quelli Tim hanno dei prezzi esagerati rispetto ai servizi offerti.

In alternativa gli operatori avrebbero potuto lasciare libertà di configurazione ai clienti, per crearsi la tariffa ideale. C’è chi è più interessato agli sms, chi di 1000 messaggi mensili non sa cosa farsene, chi vuole solo internet. Perchè limitare la scelta a poche opzioni? Sembra tutto vincolato dal solito cartello, che continua ad esistere sotto gli occhi di tutti anche se c’è chi afferma il contrario.

Pensate di acquistare l’iPhone o i prezzi usciti vi hanno fatto svanire l’entusiasmo? Considerando che l’attivazione avverà in negozio e che sarà molto più difficile sbloccarlo come avveniva in passato, dite la vostra nei commenti.

Apple iPhone 3g in Italia: prezzo e caratteristiche

Alla scoperta dell’iPhone 3G in Italia con Tim e Vodafone. Prezzi, caratteristiche tecniche e nuove applicazioni.

Nota del 16 Giugno 2009: sono stati resi pubblici i prezzi del nuovo iPhone 3Gs. Vodafone e Tim venderanno la versione da 16Gb a 619€, quella da 32Gb a 719€. Nessun calo di prezzo per l’iPhone 3G 8Gb, sempre a 499€.

Dopo una lunga attesa, voci di corridoio, ed alcuni mesi in cui qualsiasi rumour è stato analizzato ai limiti del ridicolo, l’iPhone è arrivato. Da Venerdì 11 Luglio sarà in vendita anche in Italia nei negozi Tim e Vodafone: a quanto pare la tanto acclamata esclusiva (qualcuno ricorderà un articolo di Repubblica, che adesso suona ridicolo) non esiste.

Saranno infatti i due maggiori operatori italiani a contenderselo e dividersi gli utili, con prezzi che vanno dai 199€ per la versione 8Gb ai 299€ per quella 16Gb (con abbonamento, trovate gli aggiornamenti dei prezzi in coda al post). Al momento non è dato sapere quali saranno le condizioni di vendita, ma è logico immaginarsi che lo smartphone di casa Apple sarà acquistabile a questi prezzi solo in abbinamento a qualche piano tariffario.

A questo riguardo segnalo come al solito l’occasione persa dagli operatori di casa nostra, che nel momento in cui scrivo non hanno ancora aggiornato i loro siti. Possibile che non ci si renda conto del traffico generato da eventi di questo tipo? Tim e Vodafone forti del loro accordo stanno facendo cadere nel nulla tutte le visite di queste ore verso i loro portali, linkati anche dallo stesso sito Apple. Aggiornerò questo post quando si avranno altre notizie su prezzi e piani tariffari.

Caratteristiche tecniche

Queste le caratteristiche tecniche dell’iPhone, direttamente dal sito Apple:

  • Display multi-touch da 3,5″, widescreen, con risoluzione 480×320 pixel
  • Capacità da 8gb a 16gb
  • Connettività UMTS/HDSPA e GSM/EDG
  • Modulo Gps integrato
  • Fotocamera da 2 megapixel
  • Registrazione video con risoluzione 640×480 pixel a 30fps
  • Possibilità di scelta del colore (bianco o nero) per la versione da 16gb, la versione da 8gb è solo nera
  • Modulo Wi-Fi
  • Modulo Bluetooth 2.0
  • Accelerometro, sensore di prossimità e sensore di luce ambientale

Le novità principali sono quindi il tanto atteso supporto UMTS ed il modulo GPS integrato, che aumentano le possibilità di utilizzo dell’iPhone. Ovviamente è online anche l’Application Store, che consentirà di avere nuove applicazioni sul proprio telefono senza troppe difficoltà, dai giochi alle utility.

Notevole l’attenzione che Apple mostra anche verso il mercato business. Sulla pagina per le aziende infatti l’iPhone viene proposto come “il miglior telefono mai esistito per il lavoro”, entrando così in concorrenza con il diffusissimo Blackberry.

Per vedere un’ampia galleria di immagini e tutti gli altri dettagli dell’iPhone vi rimando alla pagina ufficiale del sito Apple.

Aggiornamenti sui prezzi italiani di Tim e Vodafone

10 Giugno 2008, ore 10: iniziano ad arrivare le prime notizie sui prezzi dell’iPhone in Italia. Marco Pratellesi sulle pagine del Corriere annuncia che l’iPhone senza contratti costerà con Vodafone 499€ nella versione da 8gb e 569€ in quella da 16gb:

Vodafone dovrebbe vendere l’iPhone da 8 giga a 499 euro e quello da 16 giga a 569 euro nelle versioni “free” cioè con scheda prepagata e liberi da contratto. Poi ci saranno una serie di piani tariffari legati all’abbonamento sul traffico con un vincolo di fedeltà per un certo periodo che dovrebbero fare scendere il prezzo fino ad avvicinarlo a quello indicato da Steve Jobs per gli Stati Uniti (dove il partner è AT&T). Le prenotazioni saranno accettate dalla prossima settimana. Per Tim si attendono ancora indicazioni sui prezzi.

10 Giugno 2008, ore 17.34: arriva la conferma ufficiale da parte di Vodafone. Il prezzo dell’iPhone con questo operatore sarà 499€ e 569€. Da domani sarà possibile prenotarlo presso i punti Vodafone o direttamente dal sito internet, in attesa dell’11 Luglio. Ci saranno anche abbonamenti specifici per l’iPhone per avere degli sconti sul prezzo di vendita. Attualmente però i piani Vodafone facile vanno da 19€ a 89€ al mese, difficilmente le tariffe saranno molto diverse.

iPhone in Italia entro l’estate

Lo smartphone Apple arriverà in Italia con Tim ed sarà UMTS. Gli svantaggi? Il prezzo più alto e le tariffe internet del nostro paese.

Apple iPhoneLa notizia che in molti stavano aspettando sembra essere arrivata. Grazie a Mantellini infatti ho scoperto un articolo su Repubblica di oggi, che rivela l’arrivo dell’iPhone in Italia tra poche settimane.

Queste le novità trapelate:

  • In Italia non arriverà il primo modello di iPhone, ma direttamente la seconda versione UMTS
  • L’accordo per i primi mesi sarà in esclusiva con Tim
  • Il prezzo sarà più elevato dei soliti 300-400€, perchè non sarà abbinato a vincoli contrattuali di 2 anni come è stato fino ad ora, e Apple non prenderà percentuali da Tim.

Quando avverrà il lancio? Molto probabilmente sarà durante il Worldwide Developer Conference (WWDC) tra il 9 ed il 13 giugno. Alcuni avevano già ipotizzato questa data, ed ora tutto lascia immaginare che l’ufficialità dell’annuncio arriverà proprio in quell’occasione.

Nonostante tutta l’attenzione che susciterà questa notizia, ho qualche dubbio che questo accordo possa essere vantaggioso per noi italiani. Apple ha cambiato la sua strategia, aumentando il prezzo dell’iPhone e rinunciando alle quote di revenue sharing, la percentuale sui contratti stipulati.

Il problema è che se la navigazione su web avverrà alle tariffe attuali, la spesa sarà improponibile per molti. Ancora peggio avere un iPhone e non usare le funzioni collegate ad internet: a quel punto sarebbe inutile comprarlo.

Non resta che aspettare il prezzo ufficiale di lancio (si parla addirittura di 600-700€) e sperare che Tim e gli altri operatori abbassino i prezzi del traffico dati, ma almeno per i primi mesi di esclusiva l’ipotesi è remota.

iPhone sbloccato in vendita anche in Italia

Apple iPhoneIn questi giorni si è sparsa la voce di un iPhone sbloccato in vendita in Francia alla “modica” cifra di 999€.

Oggi navigando su vari negozi online italiani alla ricerca di tutt’altro, mi sono imbattuto per caso in una sorpresa: un iPhone da 8gb in vendita a 679€, ovviamente unlocked. Il prezzo non è quello francese, ma resta comunque alto.

Pare quindi che trovare in commercio anche in Italia il nuovo smartphone (quasi riduttivo definirlo così) di casa Apple non sia un’impresa impossibile. Resta da valutare la convenienza di un acquisto simile, visto che un iPhone sbloccato perde qualsiasi garanzia e non è possibile aggiornare il firmware. Il rischio infatti è quello di trovarsi con un costoso fermacarte da tenere sulla scrivania, non esattamente il massimo.

Intanto le notizie per la distribuzione ufficiale di iPhone in Italia tardano ad arrivare; presumibile quindi che tutto sia rimandato ad inizio 2008.