99designs e la svalutazione del mercato IT

Un sito consente di avere lavori di design realizzati per 100$. Analisi del fenomeno e dei problemi del mercato IT, non solo in Italia.

99designs LogoNavigando in rete si fanno ogni giorno delle scoperte, quella odierna per me è stata 99designs. E’ un sito creato dai gestori di Sitepoint che permette di organizzare dei contest, stabilendo un compenso. I partecipanti sottopongono i loro lavori ed il creatore del concorso decide quale accettare, pagando la cifra stabilita.

Sembrerebbe interessante, se non fosse che la maggior parte dei lavori (soprattutto attività di logo design, ma anche layout per siti web) hanno compensi tra i 100$ ed i 200$, cifre veramente irrisorie soprattutto se pensate al cambio euro-dollaro.

A volte si incontrano clienti che per la realizzazione di un sito affermano “lo faccio fare a mio nipote.. se la cava con i computer e risparmio”, ma in quel caso il risultato sarà logicamente amatoriale. A questo target di clienti non interessa il lavoro di un professionista. Qui però il problema passa ad un livello diverso, perchè i risultati finali spesso sono buoni, ma ricevono un compenso non adatto.

Il punto cruciale è uno: il mercato è cambiato, non servono innovazione e grandi investimenti, ma nella maggior parte dei casi si scelgono le soluzioni più economiche. Ovviamente anche i gestori di 99designs ne sono consapevoli, ma finchè avranno partecipanti ai contest non ci sarà motivo per cambiare politica.

Proprio pochi giorni fa sulle pagine di questo sito è stato sollevato indirettamente il problema, nei commenti del contest per il logo di Kublai, che aveva un premio di 1000€. Se pensate che nel caso di 99designs ci sono lavori di buon livello realizzati anche per 100$, gli spunti di riflessione non mancano.

Ci sono stati diversi articoli sui problemi del mercato IT anche su Punto Informatico: uno dei più interessanti è del Novembre scorso, di Giuseppe Cubasia, che dice:

Per semplificare, il mercato dell’IT è diventato come l’IKEA.
Ne aprono sempre di più e sono sempre di più affollate perché la gente vuole soluzioni economiche, talmente economiche che se le monta da sola, magari male, consapevole che non è proprio quello che voleva, consapevole che tra pochi anni dovrà ricomprarle, però sono soluzioni economiche e che fanno (quasi) al caso loro.

Personalmente credo che il problema esista, ma debba essere valutato senza rassegnarsi. Se si hanno le qualità, trovare lavoro nel settore non è impossibile, l’importante è cercare negli ambiti giusti. Il sito amatoriale può essere fatto da più o meno chiunque, ma ci sono determinati progetti che necessitano di figure specializzate, ed è lì che si può fare la differenza.

Ci sarà sempre chi avrà bisogno di consulenti di accessibilità ed usabilità, che dovrà affidarsi ad un professionista per evitare problemi ed avere garanzie sia di qualità che di assistenza.

Voi cosa ne pensate? Aspetto i vostri pareri a riguardo, l’argomento è rilevante sia per chi lavora nell’ambito del web design, che più in generale nel mercato IT.