Festival della Creatività e UX Camp: il resoconto

Cronaca del primo barcamp italiano sulla User Experience, a Firenze.

UX CampIl 17 ottobre si è tenuto a Firenze il primo UX Camp italiano, barcamp dedicato alla User Experience. L’evento è stato organizzato all’interno del Festival della Creatività, e devo ammettere che è stato uno degli incontri più interessanti a cui ho partecipato negli ultimi tempi. Merito della compagnia, della presenza di altri lavoratori del web con cui discutere, ma anche dei talk interessanti che ho avuto modo di ascoltare.

Rispetto ad altri barcamp, il fatto che l’argomento fosse molto selettivo lasciava sicuramente meno spazio alle divagazioni, e questo ha aiutato ad aumentare la qualità degli interventi. Ero presente per discutere di interfacce ed esperienza utente, e non sarebbe stato altrettanto interessante trovare dei talk troppo lontani dall’argomento: è una riflessione che mi farebbe piacere vedere approfondita anche nell’organizzazione di altri incontri, vedi il WordCamp 2010 o eventi in cui gli speech tecnici dovrebbero sempre avere una certa importanza.

Per questo ho apprezzato particolarmente l’intervento di Cristiano Rastelli e Daniela Panfili su un possibile social network per la terza età (una bella sfida), così come l’intervento di Alberto Mucignat o quello di Davide Casali e Gianandrea Giacoma. Ammetto che a tratti il camp possa essersi rivelato un pò ostico, ma nell’insieme gli interventi mi sono sembrati adatti ad un target vario: c’era materiale interessante per tutti.

Oltre a questo, come sempre una delle parti migliori è conoscere e ritrovare gli amici del web provenienti un pò da tutta Italia. E’ stato un piacere riuscire finalmente a scambiare due chiacchiere con i Googlisti, e devo dire che quest’anno è sicuramente FriendFeed il social network più frequentato dai presenti (mi trovate a questo indirizzo). Se volete vedere un pò di foto dell’evento, ne ho pubblicate alcune sul mio account Flickr.

#fdc09Per quanto riguarda il Festival della Creatività, devo ammettere che sono rimasto sorpreso da alcuni dettagli. Mi ha stupito trovare dei poster con l’hashtag di Twitter dell’evento (#fdc09), così come un megaschermo che mostrava in tempo reale le conversazioni sull’argomento. Sono solo dei particolari, ma qualcosa si sta muovendo, e non so se avrei pensato lo stesso qualche anno fa. E’ stato anche annunciato il Wi-Fi gratuito in 12 piazze di Firenze a partire dal 26 ottobre, e tutto questo non può e non deve passare inosservato. Non sarà una rivoluzione, ma grazie a questi piccoli passi è finalmente possibile cogliere qualche segnale di miglioramento.