WCAG 2.0 per un web accessibile

Il W3C ha rilasciato la seconda versione delle linee guida per l’accessibilità del web, invitando gli sviluppatori a seguirne le indicazioni.

Il 30 Aprile 2008 sono state ufficialmente rilasciate come Candidate Recommendation le WCAG 2.0, di cui si parla ormai da diverso tempo.

Sono le linee guida per l’accessibilità dei contenuti, realizzate dal W3C che adesso invita gli sviluppatori ad usarle come riferimento, per testarle all’interno di problematiche quotidiane e verificarne la validità.

La precedente versione è del 1999, ma è ancora adesso un punto di riferimento. Un rinnovamento per seguire l’evoluzione del web era necessario, ma c’è chi non è d’accordo con le nuove scelte del W3C, in certi casi considerato un ente troppo lento e burocratizzato.

Proprio per questo Joe Clark da diverso tempo ha avviato il progetto parallelo WCAG Samurai, per indicare una strada alternativa. La pubblicazione delle WCAG Samurai Errata è avvenuta il 26 Febbraio 2008, ed è da notare come queste linee guida siano in contrapposizione con le WCAG 2.0 appena uscite.

E’ possibile essere d’accordo con le WCAG 2.0 o con le WCAG Samurai Errata, ma non con entrambe.

Avevo già scritto in passato un articolo sulla questione, a voi la scelta sulla strada da seguire. Se volete conoscere la posizione di Joe Clark, vi segnalo il suo post a riguardo.

Personalmente credo che le guerre interne non aiutino gli standard. Sul web le tabelle per il layout ormai stanno scomparendo, ma la maggioranza dei siti e dei portali più famosi ha ancora un markup ridicolo. E’ necessario trovare una via comune per rendere possibile a tutti l’accesso al web, non il contrario.